More stories

  • in

    Salerno, neonato positivo a cocaina, confermata la meningite: è gravissimo

    Il neonato di tre mesi, giunto in codice rosso all’ospedale pediatrico Santobono di Napoli, è attualmente in condizioni gravissime e ricoverato in terapia intensiva a causa di una meningite.
    Fin dall’inizio, le sue condizioni cliniche sono apparse estremamente serie, con un imminente pericolo di vita, rendendo necessario il trasferimento urgente in Terapia Intensiva Pediatrica, dove è stato sottoposto a intubazione e ventilazione meccanica.
    Gli esami condotti presso il Santobono hanno confermato l’emorragia cerebrale precedentemente individuata già durante una tac eseguita presso l’ospedale Ruggi di Salerno
    . Al Santobono, il neonato ha subito una risonanza magnetica nucleare, seguita da un intervento urgente nella Sala Operatoria di Neurochirurgia per il posizionamento di un catetere di monitoraggio della pressione intracranica.
    Durante l’intervento, è stato prelevato un campione di liquido cefalorachidiano risultato positivo per “Haemophilus Influenzae”, confermando la diagnosi iniziale di meningite batterica al momento dell’ammissione in Terapia Intensiva. Attualmente, il neonato è ancora sotto cure e costante monitoraggio. LEGGI TUTTO

  • in

     Poggioreale, sequestrata cocaina nel pacco per un detenuto

    “Nella giornata di ieri, durante gli ordinari controlli sono stati rinvenuti circa 40 grammi di cocaina ben occultati in un pacco contente biancheria destinato ai detenuti”.
    A darne notizia è Tiziana Guacci, segretario regionale per la Campania del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria. “Il carcere di Poggioreale ospita mediamente 2.100-2.200 detenuti il che vuol dire che è estremamente difficile un controllo minuzioso”, spiega la sindacalista.
    Per fortuna, l’alta professionalità della polizia penitenziaria che vi lavora quotidianamente permette ed ha permesso anche in questa occasione di gestire al meglio i numerosi eventi critici che si verificano”.
    “Ogni giorno – prosegue – la polizia penitenziaria porta avanti una battaglia silenziosa per evitare che dentro le carceri campane si diffonda uno spaccio sempre più capillare e drammatico, stante anche l’alto numero di tossicodipendenti tra i detenuti. L’hashish, la cocaina, l’eroina, la marijuana e il subutex, una droga sintetica che viene utilizzata anche presso il Sert per chi è in trattamento, sono quelle che più diffuse e sequestrate dai Baschi Azzurri.
    Ovvio che l’azione di contrasto, diffusione e consumo di droga in carcere vede l’impegno prezioso della Polizia penitenziaria, che per questo si avvale anche delle proprie unità cinofile. Questo fa comprendere come l’attività di intelligence e di controllo del carcere da parte della Polizia Penitenziaria diviene fondamentale.
    Questo deve convincere sempre più sull’importanza da dedicare all’aggiornamento professionale dei poliziotti penitenziari, come ad esempio le attività finalizzate a prevenire i tentativi di introduzione di droga in carcere, proprio in materia di contrasto all’uso ed al commercio di stupefacenti”. LEGGI TUTTO

  • in

    Posillipo, in giro con droga nelle lattina di coca cola: arrestato 41enne

    Un 41enne è stato arrestato a Napoli dopo essere stato sorpreso in auto con droga nascosta nelle lattine di Coca-Cola.
    Gli agenti del Commissariato Posillipo hanno effettuato il controllo nel primo pomeriggio di ieri in via Petrarca. L’uomo, a bordo di un’auto, ha cercato di eludere il controllo con una manovra rischiosa e ha manifestato segni di insofferenza fin dall’inizio.
    I poliziotti, anche sospettando a causa di un intenso odore di droga, hanno perquisito il veicolo scoprendo all’interno di alcune lattine di Coca-Cola e nel pannello sinistro del bagagliaio due panetti e un frammento di hashish con un peso totale di 190 grammi.
    Inoltre, sono stati trovati 14 involucri contenenti circa 160 grammi di cocaina, 6 dosi di marijuana con un peso superiore a 50 grammi, materiale per il confezionamento e due telefoni cellulari.
    Di conseguenza, l’uomo è stato arrestato per detenzione illecita di sostanze stupefacenti. LEGGI TUTTO

  • in

    IL FATTO In auto con un chilo di cocaina e fuochi illegali: arrestato a Scampia

    E’ stato sorpreso in possesso di un chilo di cocaina e di fuochi illegali un 43enne di Napoli arrestato dalla Polizia di Stato. L’uomo è stato notato dagli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante un servizio di controllo del territorio, in via Arcangelo Ghisleri: era a bordo di una vettura e, alla loro vista, ha cambiato repentinamente direzione di marcia per eludere il controllo e darsi alla fuga.
    Ne è nato un lungo inseguimento fin quando, in via Federico Fellini, il conducente ha abbandonato l’auto tentando la fuga a piedi per disfarsi del panetto di cocaina, ma è stato raggiunto dai poliziotti che, dopo una colluttazione, lo hanno bloccato. In casa dell’indagato gli agenti hanno sequestrato 15 artifizi pirotecnici di illegale fabbricazione privi di qualsiasi autorizzazione.
    L’uomo, con precedenti di polizia anche specifici, è stato tratto in arresto per detenzione illecita di sostanze stupefacenti, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale, nonché denunciato per fabbricazione o commercio abusivi di materie esplodenti e omessa denuncia di materiale esplodente. LEGGI TUTTO

  • in

    Colpo ai narcos di Scampia: sequestrati oltre 18 chili di cocaina: 2 arresti

    Nell’ambito del dispositivo di contrasto ai traffici illeciti, i finanzieri del Comando Provinciale di Napoli hanno sottoposto a sequestro oltre 18 chili di cocaina.
    Durante i controlli predisposti lungo le principali arterie stradali di accesso alla città di Napoli, è stata notata un’autovettura sospetta, con a bordo due uomini, dirigersi verso il quartiere Scampia.
    Insospettiti dalle manovre effettuate, i finanzieri hanno deciso di fermare e sottoporre a controllo il mezzo. All’interno dell’abitacolo, occultato ai piedi del sedile posteriore, è stato rinvenuto un borsone di colore blu, contenente 17 panetti di sostanza stupefacente che, sottoposta ad analisi speditiva, è risultata essere cocaina.
    I due uomini – classe ’94 e ’85 – sono stati tratti in arresto per il reato di traffico e detenzione illecita di sostanza stupefacente.
    L’attività di servizio odierna, eseguita dal Nucleo di polizia economico-finanziaria di Napoli, testimonia il costante impegno delle Fiamme Gialle nella lotta al traffico sostanze stupefacenti, a tutela della salute e della sicurezza dei cittadini. LEGGI TUTTO

  • in

    Caserta, sequestrati 15 kg di cocaina: arrestato corriere rumeno

    Nella giornata di ieri, il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta ha coordinato una complessa operazione finalizzata al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti che ha consentito di sequestrare circa 15 kg di cocaina purissima e di trarre in arresto il corriere che la trasportava.L’attività è stata eseguita dai Finanzieri della Compagnia di Marcianise i quali, attraverso un articolato dispositivo all’uopo predisposto presso i caselli autostradali di Caserta Nord e Caserta Sud, sono riusciti a individuare un’autovettura sospetta, il cui conducente, all’atto del fermo, manifestava subito un evidente stato di agitazione che induceva i militari operanti ad approfondire il controllo presso la sede del reparto.
    In effetti, a seguito di un’accurata ispezione del mezzo, veniva scoperto un sottofondo, ricavato nel baule posteriore e coperto da una spessa lastra metallica comandata attraverso un complesso meccanismo elettronico, al cui interno erano occultati n. 14 panetti di cocaina del peso complessivo di kg 14,800.
    Il corriere veniva, inoltre, trovato in possesso di una somma in contanti pari a 1.025,00 euro, verosimilmente corrispostagli quale compenso per il trasporto della droga.
    Il responsabile, di origine rumena, è stato arrestato e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Santa Maria Capua Vetere, tradotto presso la locale Casa Circondariale.
    La cocaina sottoposta a sequestro, una volta “tagliata” e immessa sul mercato, avrebbe potuto generare guadagni illeciti per circa 2 milioni di euro.
    L’attività della Guardia di Finanza di Marcianise testimonia il costante impegno delle Fiamme Gialle nella lotta al traffico di sostanze stupefacenti, con il duplice intento di tutelare la salute dei cittadini e debellare una delle principali forme di finanziamento della criminalità organizzata. LEGGI TUTTO

  • in

    In auto con 10 kg coca, arrestato sulla Salerno-Reggio Calabria

    Detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente con l’aggravante dell’ingente quantita’. Con questa accusa, la guardia di finanza ha arrestato Gaetano Montera, 26 anni, di Acquaro (paese del Viobonese) che trasportava in auto – una Citroen Picasso – oltre dieci chili di cocaina (10,624 chili).
    Il fermo e’ avvenuto nell’area di un parcheggio dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria. La cocaina era suddivisa in dieci panetti di cellophane avvolti con nastro isolante, occultati nel doppiofondo di un sedile. L’arresto in carcere e’ stato convalidato dal gip del Tribunale di Castrovillari. LEGGI TUTTO