More stories

  • in

    Assolti dal reato di estorsione l’avvocato Antonio D’Onofrio e gli imprenditori Francesco e Francesco Rosario D’Onofrio

    Si è tenuta stamattina l’udienza conclusiva del processo a carico di Antonio D’Onofrio di anni 40, di Paolisi, del padre e del fratello, Francesco D’Onofrio, di Paolisi, e Francesco Rosario D’Onofrio, di Sant’Agata de’ Goti, noti imprenditori, rispettivamente di anni 71 e di anni 35, proprietari dell’“Hotel Samnium Resort”, imputati dei reati, a vario titolo, di estorsione aggravata, danneggiamento, furto e calunnia, in relazione alla vicenda della vendita dell’ex “Caseificio Vassallo”, difesi dagli avvocati Sergio Rando, Vittorio Fucci e Giuseppe Saccone.
    Come si ricorderà, i D’Onofrio furono sottoposti a misure cautelari, perché ritenuti presuntivamente responsabili dei reati, a vario titolo, di estorsione aggravata, danneggiamento, furto e calunnia ai danni di un imprenditore e della moglie del figlio.
    ADS
    .ads3 { width: 300px; height: 600px; background:fixed;}
    @media(min-width: 500px) { .ads3{ width: 300px; height: 250px; } }
    @media(min-width: 800px) { .ads3 { width: 300px height: 250px; } }

    Il P.M., Dott.ssa Donatella Palumbo, aveva chiesto le condanne: anni 3 e mesi 2 di reclusione ed Euro 5 mila di multa per Antonio D’Onofrio; anni 3 e mesi 8 di reclusione ed Euro 8 mila di multa per Francesco Rosario D’Onofrio; anni 3 e mesi 4 di reclusione ed Euro 6 mila di multa per Francesco D’Onofrio.
    .ue2215385bc7243697206724c4167743d { padding:0px; margin: 0; padding-top:1em!important; padding-bottom:1em!important; width:100%; display: block; font-weight:bold; background-color:#FFFFFF; border:0!important; border-left:4px solid #000000!important; box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); -moz-box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); -o-box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); -webkit-box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); text-decoration:none; } .ue2215385bc7243697206724c4167743d:active, .ue2215385bc7243697206724c4167743d:hover { opacity: 1; transition: opacity 250ms; webkit-transition: opacity 250ms; text-decoration:none; } .ue2215385bc7243697206724c4167743d { transition: background-color 250ms; webkit-transition: background-color 250ms; opacity: 0.9; transition: opacity 250ms; webkit-transition: opacity 250ms; } .ue2215385bc7243697206724c4167743d .ctaText { font-weight:bold; color:#C0392B; text-decoration:none; font-size: 16px; } .ue2215385bc7243697206724c4167743d .postTitle { color:#000000; text-decoration: underline!important; font-size: 16px; } .ue2215385bc7243697206724c4167743d:hover .postTitle { text-decoration: underline!important; } LEGGI ANCHE  Allerta Meteo Napoli: dalla mezzanotte piogge su tutta la CampaniaAll’esito del dibattimento il Collegio, composto dai magistrati Fallarino Presidente, Telaro e Nuzzo giudici a latere, accogliendo le tesi dei difensori, ha assolto gli imputati dai reati loro ascritti infliggendo la sola pena di anni due di reclusione con sospensione della stessa per il presunto reato di calunnia nei confronti di Francesco D’Onofrio e Francesco Rosario D’Onofrio, assolti da tutti gli altri capi d’imputazione relativi alle contestazioni di estorsione, furto, danneggiamento ed altro. L’Avvocato Antonio D’Onofrio è stato, invece, assolto da tutti i capi d’imputazione. LEGGI TUTTO

  • in

    Estorsioni a raffica dopo il colloquio con il padre in carcere: arrestata Katia Bidognetti

    Casal di Principe. È finita in carcere Katia Bidognetti, figlia di Francesco conosciuto come ‘Cicciotto ‘e mezzanotte’, ritenuto dagli inquirenti tra i reggenti del clan camorristico campano dei Casalesi.
    La 39enne era agli arresti domiciliari a Reggio Emilia con le accuse – contestate, a vario titolo, ad altri 20 imputati – di estorsione ai danni di imprenditori di Casal di Principe, San Cipriano d’Aversa, Villa Literno, Cellole, Castel Volturno, Acerra e Roma. I carabinieri reggiani nel tardo pomeriggio di ieri hanno eseguito l’ordine di carcerazione dopo che è diventata definitiva la condanna di sei anni per associazione di tipo mafioso emessa in Appello. .uef2cad41152bd487954ac2e7d68f8b21 { padding:0px; margin: 0; padding-top:1em!important; padding-bottom:1em!important; width:100%; display: block; font-weight:bold; background-color:#FFFFFF; border:0!important; border-left:4px solid #000000!important; box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); -moz-box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); -o-box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); -webkit-box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); text-decoration:none; } .uef2cad41152bd487954ac2e7d68f8b21:active, .uef2cad41152bd487954ac2e7d68f8b21:hover { opacity: 1; transition: opacity 250ms; webkit-transition: opacity 250ms; text-decoration:none; } .uef2cad41152bd487954ac2e7d68f8b21 { transition: background-color 250ms; webkit-transition: background-color 250ms; opacity: 0.9; transition: opacity 250ms; webkit-transition: opacity 250ms; } .uef2cad41152bd487954ac2e7d68f8b21 .ctaText { font-weight:bold; color:#C0392B; text-decoration:none; font-size: 16px; } .uef2cad41152bd487954ac2e7d68f8b21 .postTitle { color:#000000; text-decoration: underline!important; font-size: 16px; } .uef2cad41152bd487954ac2e7d68f8b21:hover .postTitle { text-decoration: underline!important; } LEGGI ANCHE  Covid, boom di contagi a Castellammare: 102 in 2 giorni
    ADS
    .ads3 { width: 300px; height: 600px; background:fixed;}
    @media(min-width: 500px) { .ads3{ width: 300px; height: 250px; } }
    @media(min-width: 800px) { .ads3 { width: 300px height: 250px; } }

    La donna dovrà restare in cella fino al 31 gennaio 2023, dopo aver scontato già parte della pena detentiva tra carcere e domiciliari.
    Secondo gli inquirenti Katia Bidognetti avrebbe ricevuto ordini direttamente dal padre, attraverso un sistema di messaggi ed allusioni, durante i colloqui in carcere. LEGGI TUTTO

  • in

    Maxi truffa con le barche insicure, tutto in prescrizione

    Prima che esplodesse il caso delle concessioni balneari a Ostia, una prima traccia di un certo sistema era emersa a Latina nell’inchiesta denominata “House Boat”. L’ex dirigente del Municipio X, Aldo Papalini, poi accusato nella capitale ipotizzando che avesse spalancato le porte della pubblica amministrazione al clan rom Spada, favorendolo nell’assegnazione di un lido, nel […] LEGGI TUTTO

  • in

    Maresciallo dell’Aeronautica falso malato: condanna definitiva

    Presentando falsi certificati medici, si è assentato dal lavoro per circa un anno e mezzo e, accusato di diserzione e truffa militare continuata pluriaggravata, un ormai ex maresciallo dell’Aeronautica Militare è stato condannato ora in via definitiva. I giudici hanno stabilito che Antonio Di Costanzo, 43 anni, originario di Caserta, all’epoca dei fatti sottufficiale dell’Arma […] LEGGI TUTTO

  • in

    Villaricca, accusato di detenzione abusiva di armi: assolto

    Villaricca. Era stato denunciato dai carabinieri del Comando di Villaricca, e rinviato a giudizio dinanzi al tribunale monocratico di Napoli, per detenzione abusiva di armi, perché trovato in possesso, senza averne l’autorizzazione, all’interno del suo zaino da scuola, di due proiettili calibro 357 Magnum, riportante sul fondello la dicitura GFL, un ventiseienne della zona, F.S.
    Oggi, a chiusura dell’ istruttoria dibattimentale, all’esito dell’ arringa del suo Difensore, l’Avvocato Massimo Viscusi, del Foro di Benevento, riuscendo a dimostrare la sua totale estraneità ai fatti, è stato assolto a formula piena, perché il fatto non sussiste. .u373886f8b07343b6bb4fd4c9720045ec { padding:0px; margin: 0; padding-top:1em!important; padding-bottom:1em!important; width:100%; display: block; font-weight:bold; background-color:#FFFFFF; border:0!important; border-left:4px solid #000000!important; box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); -moz-box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); -o-box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); -webkit-box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); text-decoration:none; } .u373886f8b07343b6bb4fd4c9720045ec:active, .u373886f8b07343b6bb4fd4c9720045ec:hover { opacity: 1; transition: opacity 250ms; webkit-transition: opacity 250ms; text-decoration:none; } .u373886f8b07343b6bb4fd4c9720045ec { transition: background-color 250ms; webkit-transition: background-color 250ms; opacity: 0.9; transition: opacity 250ms; webkit-transition: opacity 250ms; } .u373886f8b07343b6bb4fd4c9720045ec .ctaText { font-weight:bold; color:#C0392B; text-decoration:none; font-size: 16px; } .u373886f8b07343b6bb4fd4c9720045ec .postTitle { color:#000000; text-decoration: underline!important; font-size: 16px; } .u373886f8b07343b6bb4fd4c9720045ec:hover .postTitle { text-decoration: underline!important; } LEGGI ANCHE  Le pagelle del Napoli: Fabian illumina il Maradona, Insigne glaciale
    ADS
    .ads3 { width: 300px; height: 600px; background:fixed;}
    @media(min-width: 500px) { .ads3{ width: 300px; height: 250px; } }
    @media(min-width: 800px) { .ads3 { width: 300px height: 250px; } }

    Accolte, dunque, tutte le richieste della Difesa.Il P.M., a termine della sua requisitoria, aveva chiesto la pena di mesi di reclusione LEGGI TUTTO