More stories

  • in

    Scarcerata la famiglia di spacciatori della periferia di Scafati

    Cronache » Cronaca » Cronaca Giudiziaria » Scarcerata la famiglia di spacciatori della periferia di Scafati

    Cronaca Giudiziaria

    Pubblicato
    2 settimane fa circa (21:09)
    il
    11 Novembre 2020

    Scafati- Graziata la famiglia dello spaccio che sono ritornati in libertà. I pusher erano stati arresti dai carabinieri di Boscoreale il 10 febbraio 2020. I militari avevano attuato un accurato servizio di osservazione nella periferia di Scafati, proprio al confine con il comune di Boscoreale, che aveva dato importanti riscontri investigativi.

    Fermati  diversi acquirenti, che hanno confermato centinaia e centinaia di cessioni di cocaina ricevute dalle mani di quella che era il loro referente di zona, la giovane Annabella Guarracino di 27 anni.
    La giovane donna era diventata in poco tempo il motore dello spaccio della zona del “28”, in via Passanti Scafati, e aveva avviato una fiorente attività criminale. La donna pusher è stata scarcerata poche settimana fa da altra accusa di essere figura di vertice di un’associazione dedita allo spaccio. Alessandro Lanzieri, 52enne, Anna Albano, 48enne sono state giudicate col rito abbreviato dinanzi al GIP di Nocera Inferiore.Erano state rinvenute tre sostanze diverse: 72 grammi di marijuana, 45 grammi di cocaina e 27 di crack. Con la droga anche un bilancino di precisione e 120 euro in contante, ritenuto provento illecito. Il PM aveva chiesto sei anni e sei mesi di reclusione.La condanna della famiglia pusher difesa dall’avvocato Gennaro De Gennaro ha portato ad una minima condanna di anni 4 e mesi 4 di reclusione per ciascun imputato.
    I tre imputati sono stati scarcerati e sono ritornati in libertà. Condanna minima rispetto alle richieste del PM e scarcerazione inattesa rispetto alle gravi accuse.

    Articolo Successivo
    Pomigliano: il centrodestra annuncia ricorso sugli eletti

    Da non perdere
    Confcommercio invoca la zona rossa in Campania

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Cronaca Giudiziaria

    Pubblicato
    1 giorno fa
    il
    27 Novembre 2020

    Da quella residenza per anziani del Napoletano dove avrebbe dovuto essere amorevolmente accudita ne usci’ al tal punto disidratata da morire, qualche giorno dopo in un ospedale a Napoli.
    Un triste episodio sul quale per quattro anni ha indagato la Procura di Napoli e che oggi ha trovato l’epilogo con una condanna, esemplare, anche per il figlio dell’anziana donna, morta nel giugno del 2016. Insieme con il figlio-tutore dell’82enne, che affetta dal morbo di Alzheimer, sono stati condannati a 3 anni e 4 mesi di reclusione anche il legale rappresentante della Rsa, e l’unica operatrice sanitaria presente nella struttura.
    La sentenza e’ stata emessa nei giorni scorsi dalla Corte di Assise di Napoli. A tutti il sostituto procuratore Mario Canale, in forza alla sezione “Lavoro e colpe Professionali” coordinata dal procuratore aggiunto Simona Di Monte, ha contestato l’abbandono di persona incapace seguito dalla morte.

    Continua a leggere

    Caserta e Provincia

    Pubblicato
    1 giorno fa
    il
    27 Novembre 2020

    Il Gip del Tribunale di Napoli Nord, Vincenzo Saladino, ha revocato la misura interdittiva della sospensione dall’esercizio dalle pubbliche funzioni per uno dei sei medici in servizio all’Asl di Aversa, coinvolto qualche giorno fa nell’indagine della Procura di Napoli Nord su episodi di assenteismo dal posto di lavoro.
    Si tratta del dirigente medico Enzo Iodice, coordinatore dei covid team e responsabile dell’emergenza per l’Asl di Caserta, in passato sindaco di Santa Maria Capua Vetere ed esponente di rilievo del Pd e dell’Udc. La revoca e’ sopraggiunta dopo l’interrogatorio cui Iodice si e’ sottoposto, in cui ha chiarito che in qualita’ di dirigente non aveva l’obbligo di marcare il cartellino. Per la Procura di Napoli Nord e i carabinieri del Nas di Caserta, alla sede Asl di Aversa c’era una prassi consolidata di allontanamenti illeciti dal posto di lavoro; complessivamente sono stati accertati 270 casi di allontanamento non autorizzato, alcuni addirittura quotidianamente.
    Un dipendente, su 58 giorni di presenza registrati, si sarebbe allontanato illecitamente ben 36 volte. Ad operare le modifiche era l’addetto alla registrazione delle presenze. Le indagini sono iniziate nel 2017, dopo una segnalazione della Direzione Generale dell’Asl di Caserta la quale si era accorta che un dipendente modificava, accedendo al sistema, quasi quotidianamente le sue attestazioni di presenza. Il Nas ha poi accertato che erano 22 le persone (tra dipendenti e collaboratori) che truffavano l’Asl, alcune delle quali, pero’, nel frattempo, hanno cessato il rapporto di lavoro con la struttura sanitaria

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette LEGGI TUTTO

  • in

    Traffico di droga nel Salernitano: in manette a Scafati la ‘dama del crack’

    Cronaca Nera

    Pubblicato
    2 giorni fa
    in
    10 Ottobre 2020

    Share

    Tweet

    Traffico di droga nel Salernitano: in manette a Scafati la ‘dama del crack’.
     
    I finanzieri del Comando provinciale di Salerno, su disposizione del gip di Nocera Inferiore, hanno eseguito un provvedimento cautelare nei confronti di 3 pluripregiudicati, indagati per i reati di detenzione e traffico di sostanze stupefacenti. L’intervento delle Fiamme Gialle della compagnia di Scafati è scattato dopo un anno di indagini coordinate dalla Procura nocerina che hanno consentito di far luce sul gruppo criminale, al vertice della quale si trovava una donna che con la collaborazione degli altri due indagati curava lo spaccio di droga in diversi comuni dell’Agro nocerino-sarnese. Nota nell’ambiente come “la dama del crack”, come riscontrato dagli inquirenti nel corso delle intercettazioni telefoniche, la donna impartiva istruzioni precise ai due “luogotenenti” di fiducia, incaricati di gestire fornitori e clienti, coordinando dall’alto le attività e i movimenti degli spacciatori alle dipendenze.La consegna della droga avveniva presso l’abitazione della donna o degli stessi consumatori previa “prenotazione” telefonica, specie durante il periodo del lockdown, quando i pusher, in caso di controllo delle forze dell’ordine, fingevano di recarsi in farmacia o al supermercato, talvolta facendosi accompagnare da minori, certi così di non destare sospetti. Alla donna e ai due collaboratori è stato notificato il divieto di dimora nella provincia di Salerno. In più, essendo risultati tutti e tre percettori del reddito di cittadinanza, è stata disposta nei loro confronti anche la sospensione del beneficio, con contestuale segnalazione all’ufficio Inps competente per il recupero delle somme erogate.

    Articolo Successivo
    Sacerdote positivo al Covid, zona arancione a Teano

    Da non perdere
    ConfiniAperti 2020/2021, la nuova stagione teatrale del Teatro Area Nord

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Benevento e Provincia

    Pubblicato
    3 ore fa
    in
    11 Ottobre 2020

    Maxi rissa a Benevento, chiama il padre che arriva con katana: 5 feriti e 2 arresti.

    La piu’ celebre, quella forgiata da Hattori Hanzo, e’ diventata un cult cinematografico grazie a Quentin Tarantino e al suo Kill Bill. Ed era qualcosa di simile alla ‘spada della sposa’ la katana – caratteristica spada giapponese usata dai samurai – brandita ieri sera da un 60enne di Benevento per risolvere una maxirissa che ha visto coinvolto il figlio nella centrale piazza Risorgimento. Alla fine il bilancio e’ stato di cinque persone ferite e due arrestate. Secondo una prima ricostruzione, tutto e’ cominciato con l’aggressione di un 37enne di Benevento da parte di alcuni coetanei. Costui per difendersi ha chiamato il padre che e’ arrivato armato di una katana lunga 80 centimetri. Sul posto nel frattempo sono giunti gli agenti della Questura del capoluogo e i carabinieri del comando provinciale per riportare la calma.
    Gli agenti di polizia hanno subito individuato e bloccato l’uomo che brandiva la “katana” all’indirizzo dei presenti dopo averne colpiti alcuni. Alla vista degli agenti ha cercato di disfarsi della spada e di darsi alla fuga ma e’ stato bloccato e identificato: e’ un sessantenne di Benevento, gia’ noto per i suoi trascorsi penali. I carabinieri invece sono intervenuti nell’istituto scolastico Mazzini, dove secondo le indicazioni dei passanti si era rifugiato il figlio. I militari, una volta giunti, lo hanno bloccato e identificato. I feriti sono cinque in tutto.
    Quattro sono vittime della violenza di padre e figlio: tutti soccorsi e trasportati nei due ospedali di Benevento, hanno riportato ferite da taglio provocate dalla spada ma tre sono in buone condizioni e sono stati gia’ dimessi mentre il quarto e’ in osservazione all’ospedale San Pio. Il quinto ferito e’ lo stesso 37 enne che nel colpire ripetutamente i passanti ha riportato a sua volta lesioni non gravi. Padre e figlio sono stati quindi arrestati con l’accusa di lesioni aggravate e porto abusivo di armi.

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette LEGGI TUTTO

  • in

    Le donne gestivano le piazze di spaccio tra Scafati, Boscoreale e Pompei: 36 arresti: I NOMI

    Boscoreale e Boscotrecase

    Pubblicato
    10 ore fa
    in
    15 Settembre 2020

    Share

    Tweet

    Le donne gestivano le piazze di spaccio tra Scafati, Boscoreale e Pompei: 36 arresti.
    Ventitre’ persone in carcere, altre tredici ai domiciliari. E’ questo il bilancio di una vasta operazione antidroga, scattata all’alba di oggi nel Salernitano tra Scafati e comuni limitrofi a termine di una lunga indagine dei carabinieri del Comando provinciale di Salerno e con la quale sono state sgominate due organizzazioni di spacciatori che operavano prevalentemente nella provincia nord, ed anche in alcune localita’ del Napoletano come Pompei e Boscoreale.
    In una delle organizzazioni un ruolo non di secondo piano veniva svolto da alcune donne e per l’attivita’ di spaccio, in alcune occasioni, sarebbero stati impiegati dei minorenni. Le due bande non avevano piazze di spaccio fisiche, ma vi era una distribuzione in diversi quartieri, centrali e periferici di Scafati.
    Le richieste telefoniche avvenivano con linguaggio criptico; i luoghi di consegna erano occasionali e avvenivano anche nei pressi di abitazioni, scuole e luoghi pubblici; le sostanze stupefacenti erano conservate in luoghi diversi dalle rispettive abitazioni. La stima approssimativa delle sole vendite al dettaglio si attesta nell’ordine di circa 100 cessioni quotidiane per ciascun sodalizio, per un introito non inferiore alla cifra giornaliera di 2mila euro.
    Le indagini Si sono sviluppate partendo da due episodi verificatisi a Scafati, in seguito all’omicidio del pregiudicatio Armando Faucitano, ucciso il 26 aprile 2015 in piazza Genova. Il 29 marzo 2016 ci fu anche un attentato ai danni del bar “My Love”, gestito da Teresa Cannavacciuolo, già nota alle forze dell’ordine per i suoi precedenti legati allo spaccio di stupefacenti. Durante l’attività, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia, sono emerse due diverse associazioni finalizzate al traffico di sostanze stupefacenti, operanti a Scafati. La prima, guidata da Giovanni Crocetta Barbato e Angelo Sorrentino. La seconda, invece, fa capo a Francesco Squillante, Teresa Cannavacciuolo, Andrea Carotenuto, Morena Carotenuto, Vincenzo Carotenuto, Raffaele Squillante e Salvatore Squillante.“Entrambi i sodalizi, il primo dei quali era il fornitore del secondo – spiega la Procura – era accomunati da rapporti familiari che rafforzavano il rapporto di collaborazione”.
    I legami con i clanNel caso dell’associazione che faceva capo a Giovanni Barbato Crocetta e Angelo Sorrentino, sono stati anche documentati rapporti con affiliati al clan Matrone di Scafati e Aquino-Annunziata di Boscoreale. Attingevano anche a fornitori in Olanda. Gli inquirenti, infatti, hanno potuto verificare il coninvolgimento di Carmine e Vincenzo Alfano e di Pasquale Rizzo nell’acquisto di una partita di droga sequestrata nel 2015 dalla polizia tedesca (1 chilo di cocaina e 4 chili di marijuana). Vincenzo Alfano e Pasquale Rizzo furono arrestati in flagranza di reato. La seconda organizzazione ha coinvolto anche minorenni nell’attività di spaccio. In un caso, è coinvolto anche un minore di età inferiore a 14 anni. Erano le loro madri ad impiegarli nelle attività illecite.
    GLI ARRESTATI
    In carcere:
    Alfano Carmine nato a Torre del Greco il 13/04/1984Barbato Crocetta Giovanni nato a Scafati il 14/03/1993Berritto Francesco nato a Scafati il 30/07/1993Cannavacciuolo Teresa nata a Pompei il 05/02/1982Carotenuto Andrea nato a Pompei il 20/06/1989Castaldo Gennaro nato a Castellammare di Stabbia il 27/07/1981Desiderio Gabriele nato a Scafati il 24/01/1991Guarracino Annabella nata ad Acerra il 17/02/1993Incannella Daniele Antonio nato a Nocera Inferiore il 09/10/1997Inserra Giuseppina nata a Scafati il 26/10/1982Lanzieri Alessandro nato a Scafati il 06/02/1967Longobardi Pasquale nato a Torre Annunziata il 19/061996Mainenti Alfonso nato a Scafati il 15/03/1991Mainenti Francesco nato a Pompei il 27/02/1982Muollo Veruska nata a Torre Annunziata 19/06/1976Paoletti Pietro nato a Torre Annunziata il 16/02/1990Rispoli Raffaele nato a Torre Annunziata il 16/06/1976Sorrentino Angelo nato a Nocera Inferiore il 08/11/1986Squillante Francesco nato a Cava de’Tirreni il 15/01/1983Squillante Raffaele nato a Scafati il 17/10/1989Squillante Salvatore nato a Nocera Inferiore il 06/07/1981Tufano Giovanni nato a Castellammare di Stabia il 06/03/1979Ai domiciliari:
    Acanfora Maria Grazia nata a Boscoreale il 06/08/1960Aquino Teresa nata a Pompei il 26/12/1968Ascione Pasquale nato a Boscotracase il 27/06/1971Carotenuto Morena nata a Pompei il 13/10/1986Fienga Teresa nata a Pompei il 13/11/1997Karakhi Nadia nata a Scafati il 01/01/1995Langella Giuseppina nata a Pompei il 28/03/1983Maineneti Carmela nata a Scafati il 10/12/1992Paoletti Giovanna nata a Castellammare di Stabia il 29/05/1996Pedone Antonio nato a Nocera Inferiore il 06/10/1994Ruotolo Maria nata a Pompei il 28/06/1995Santonicola Antonio nato a Pompei il 30/01/1981Sicignano Anna nata a Scafati il 15/01/1971

    Articolo Successivo
    Roccarainola: Rubava energia elettrica da 5 anni. Carabinieri arrestano il titolare di un autolavaggio

    Da non perdere
    Napoli, rinvenute armi e munizioni al rione della Bussola: arrestato 18enne

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Ti potrebbe interessare

    Boscoreale e Boscotrecase

    Pubblicato
    1 settimana fa
    in
    8 Settembre 2020

    Stamattina gli agenti del Commissariato di Torre del Greco hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa ieri dal G.I.P. del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di Michele Acunzo, 29enne di Boscotrecase con precedenti di polizia, ritenuto responsabile di più episodi di spaccio di sostanze stupefacenti avvenuti tra ottobre e novembre del 2019.

    Continua a leggere

    Boscoreale e Boscotrecase

    Pubblicato
    1 settimana fa
    in
    8 Settembre 2020

     Il dipartimento di prevenzione dell’Asl Na 3 Sud ha comunicato che un cittadino di Boscoreale, proveniente dall’estero, e’ risultato positivo al Covid-19 ed e’ stato sottoposto a quarantena.
    “Attualmente – riferisce una nota del Comune – i positivi nel nostro Comune sono quattro, di cui tre provenienti dall’estero e un operatore sanitario”.

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette

    Cronaca3 giorni fa
    Caivano, ha ucciso la sorella ‘perché gay’ e poi ha picchiato la compagna trans: è in carcere

    estrazioni7 giorni fa
    Vincite Lotto: a Cercola centrato un terno da 47.500 euro

    estrazioni5 giorni fa
    Estrazioni del Lotto e numeri vincenti 10 e Lotto

    Attualità4 giorni fa
    SCANDALO Treviso, luci rosse in parrocchia : cinque euro per un “incontro” in canonica e l’uso della bici in prestito LEGGI TUTTO

  • in

    Blitz antidroga a Scafati: 36 misure cautelari

    Cronaca Nera

    Pubblicato
    16 ore fa
    in
    15 Settembre 2020

    Share

    Tweet

    Operazione antidroga a Scafati, nel Salernitano, e in altri comuni del territorio nazionale. I carabinieri del Comando provinciale di Salerno hanno eseguito un provvedimento cautelare, emesso dall’Ufficio gip del tribunale salernitano su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di 36 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di detenzione, traffico ed associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Articolo Successivo
    Minaccia di lanciarsi nel vuoto: caos all’ospedale Cotugno

    Da non perdere
    Consigliere di Fratelli d’Italia: ‘L’omosessualità è contro natura’. Poi si scusa. E’ bufera

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Ti potrebbe interessare

    Le donne gestivano le piazze di spaccio tra Scafati, Boscoreale e Pompei: 36 arresti: I NOMI

    Carabiniere ferito in un inseguimento a Santa Maria la Carità

    Coronavirus: 2 nuovi contagi a Scafati

    Area Vesuviana

    Pubblicato
    4 ore fa
    in
    15 Settembre 2020

    Nella mattinata odierna i Carabinieri della Stazione di San Gennaro Vesuviano. all’esito di attività di indagine coordinate dalla Procura della Repubblica di Nola, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso 1! Tribunale di Nola nei confronti di M.B.. classe 76, pliunpregiudicato. per il reato di tentata estorsione a: danni di S.U.. cittadino bengalese dipendente di una sartoria del vesuviano.
    I fatti risalgono allo scorso 13 agosto allorquando M.B., al fine di procurarsi indebitamente delle somme in denaro, dapprima minacciava verbalmente S.U. millantando una generica apparicnenza a contesti mafiosi e la disponibilità di un’arma da fuoco, successivamente, cospargeva di benzina alcune autovetture parcheggiate sulla pubblica via, la vittima nonché altri connazionali bengalesi intervenuti in soccorso della stessa vittima. colpendoli con calci e pugni.M.B. desisteva dal suo proposito criminoso allontanandosi dal luogo e facendo perdere le proprie tracce solo grazie all’intervento di altre persone che avevano allertato le forze dell’ordine. I militari, giunti sul posto, ricostruivano la dinamica dei fatti. riscontrando la presenza di una bottiglietta in plastica emanante un forte odore di benzina e di liquido infiammabile sull’asfalto.
    A seguito delle indagini effettuate. le precise dichiarazioni della vittima. riscontrate dalle circostanze riferite dalle persone presenti ai fatti. unitamente all’esito positivo dell’espletata individuazione fotografica. consentivano di identificare quale autore della tentata cstorsione MBche, espietate le formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondanale di Napoli-Poggioreale. L’operazione odierna costituisce un ulteriore positivo risultato raggiunto dall’Autorità Giudiziaria e dai Carabinieri, impegnati quotidianamente a tutela della sicurezza dell’area nolana, nelle attività volte al contrasto delle forme più insidiose di reati contro la persona e contro il patrimonio.

    Continua a leggere

    Boscoreale e Boscotrecase

    Pubblicato
    10 ore fa
    in
    15 Settembre 2020

    Le donne gestivano le piazze di spaccio tra Scafati, Boscoreale e Pompei: 36 arresti.
    Ventitre’ persone in carcere, altre tredici ai domiciliari. E’ questo il bilancio di una vasta operazione antidroga, scattata all’alba di oggi nel Salernitano tra Scafati e comuni limitrofi a termine di una lunga indagine dei carabinieri del Comando provinciale di Salerno e con la quale sono state sgominate due organizzazioni di spacciatori che operavano prevalentemente nella provincia nord, ed anche in alcune localita’ del Napoletano come Pompei e Boscoreale.
    In una delle organizzazioni un ruolo non di secondo piano veniva svolto da alcune donne e per l’attivita’ di spaccio, in alcune occasioni, sarebbero stati impiegati dei minorenni. Le due bande non avevano piazze di spaccio fisiche, ma vi era una distribuzione in diversi quartieri, centrali e periferici di Scafati.
    Le richieste telefoniche avvenivano con linguaggio criptico; i luoghi di consegna erano occasionali e avvenivano anche nei pressi di abitazioni, scuole e luoghi pubblici; le sostanze stupefacenti erano conservate in luoghi diversi dalle rispettive abitazioni. La stima approssimativa delle sole vendite al dettaglio si attesta nell’ordine di circa 100 cessioni quotidiane per ciascun sodalizio, per un introito non inferiore alla cifra giornaliera di 2mila euro.
    Le indagini Si sono sviluppate partendo da due episodi verificatisi a Scafati, in seguito all’omicidio del pregiudicatio Armando Faucitano, ucciso il 26 aprile 2015 in piazza Genova. Il 29 marzo 2016 ci fu anche un attentato ai danni del bar “My Love”, gestito da Teresa Cannavacciuolo, già nota alle forze dell’ordine per i suoi precedenti legati allo spaccio di stupefacenti. Durante l’attività, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia, sono emerse due diverse associazioni finalizzate al traffico di sostanze stupefacenti, operanti a Scafati. La prima, guidata da Giovanni Crocetta Barbato e Angelo Sorrentino. La seconda, invece, fa capo a Francesco Squillante, Teresa Cannavacciuolo, Andrea Carotenuto, Morena Carotenuto, Vincenzo Carotenuto, Raffaele Squillante e Salvatore Squillante.“Entrambi i sodalizi, il primo dei quali era il fornitore del secondo – spiega la Procura – era accomunati da rapporti familiari che rafforzavano il rapporto di collaborazione”.
    I legami con i clanNel caso dell’associazione che faceva capo a Giovanni Barbato Crocetta e Angelo Sorrentino, sono stati anche documentati rapporti con affiliati al clan Matrone di Scafati e Aquino-Annunziata di Boscoreale. Attingevano anche a fornitori in Olanda. Gli inquirenti, infatti, hanno potuto verificare il coninvolgimento di Carmine e Vincenzo Alfano e di Pasquale Rizzo nell’acquisto di una partita di droga sequestrata nel 2015 dalla polizia tedesca (1 chilo di cocaina e 4 chili di marijuana). Vincenzo Alfano e Pasquale Rizzo furono arrestati in flagranza di reato. La seconda organizzazione ha coinvolto anche minorenni nell’attività di spaccio. In un caso, è coinvolto anche un minore di età inferiore a 14 anni. Erano le loro madri ad impiegarli nelle attività illecite.
    GLI ARRESTATI
    In carcere:
    Alfano Carmine nato a Torre del Greco il 13/04/1984Barbato Crocetta Giovanni nato a Scafati il 14/03/1993Berritto Francesco nato a Scafati il 30/07/1993Cannavacciuolo Teresa nata a Pompei il 05/02/1982Carotenuto Andrea nato a Pompei il 20/06/1989Castaldo Gennaro nato a Castellammare di Stabbia il 27/07/1981Desiderio Gabriele nato a Scafati il 24/01/1991Guarracino Annabella nata ad Acerra il 17/02/1993Incannella Daniele Antonio nato a Nocera Inferiore il 09/10/1997Inserra Giuseppina nata a Scafati il 26/10/1982Lanzieri Alessandro nato a Scafati il 06/02/1967Longobardi Pasquale nato a Torre Annunziata il 19/061996Mainenti Alfonso nato a Scafati il 15/03/1991Mainenti Francesco nato a Pompei il 27/02/1982Muollo Veruska nata a Torre Annunziata 19/06/1976Paoletti Pietro nato a Torre Annunziata il 16/02/1990Rispoli Raffaele nato a Torre Annunziata il 16/06/1976Sorrentino Angelo nato a Nocera Inferiore il 08/11/1986Squillante Francesco nato a Cava de’Tirreni il 15/01/1983Squillante Raffaele nato a Scafati il 17/10/1989Squillante Salvatore nato a Nocera Inferiore il 06/07/1981Tufano Giovanni nato a Castellammare di Stabia il 06/03/1979Ai domiciliari:
    Acanfora Maria Grazia nata a Boscoreale il 06/08/1960Aquino Teresa nata a Pompei il 26/12/1968Ascione Pasquale nato a Boscotracase il 27/06/1971Carotenuto Morena nata a Pompei il 13/10/1986Fienga Teresa nata a Pompei il 13/11/1997Karakhi Nadia nata a Scafati il 01/01/1995Langella Giuseppina nata a Pompei il 28/03/1983Maineneti Carmela nata a Scafati il 10/12/1992Paoletti Giovanna nata a Castellammare di Stabia il 29/05/1996Pedone Antonio nato a Nocera Inferiore il 06/10/1994Ruotolo Maria nata a Pompei il 28/06/1995Santonicola Antonio nato a Pompei il 30/01/1981Sicignano Anna nata a Scafati il 15/01/1971

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette

    Cronaca3 giorni fa
    Caivano, ha ucciso la sorella ‘perché gay’ e poi ha picchiato la compagna trans: è in carcere

    estrazioni7 giorni fa
    Vincite Lotto: a Cercola centrato un terno da 47.500 euro

    estrazioni5 giorni fa
    Estrazioni del Lotto e numeri vincenti 10 e Lotto

    Attualità4 giorni fa
    SCANDALO Treviso, luci rosse in parrocchia : cinque euro per un “incontro” in canonica e l’uso della bici in prestito LEGGI TUTTO

  • in

    Scafati, confermati in Appello i 30 anni di carcere al clan Matrone-Buonocore

    Scafati. Oggi è stata pronunciata la sentenza dalla Corte di Appello di Salerno nei confronti del ricostituito gruppo Matrone-Buonocore, organizzazione egemone nel territorio scafatese.

    Condanne molto ridimensionate rispetto alle richieste del Procuratore che aveva sostenuto le ragioni dell’appello della DDA Salernitana. Secondo il teorema accusatorio i ‘signori’ del pizzo di Scafati che a suon di pistolettate e bombe chiedevano le tangenti ai commercianti scafatesi avevano costretto i negozianti a vivere in un clima di terrore. Il verdetto finale nel giudizio di primo grado aveva visto condanne complessive per circa 30 anni con un forte sconto, dovuto alle assoluzioni pronunciate dal giudice.
    Ed infatti spiccavano le assoluzioni di Palma Pasquale, Patrone Nicola, Panariello Marcello ed Elvira Improta (tutti difesi dall’avvocato Gennaro De Gennaro). Per Palma Pasquale, Patrone Nicola,Elvira Improta e Panariello Marcello il pubblico ministero aveva proposto appello contro l’assoluzione riportata in primo grado. Ed anche in appello i giudici hanno dato ragione all’avvocato De Gennaro ed hanno confermato l’assoluzione. Possono tirare un sospiro di sollievo perché hanno chiuso una triste pagina della loro vita.
    Condanna confermata ad anni 8 per Buonocore Giuseppe ( difeso dagli avvocati Massimo Autieri e Stella Criscuolo) considerato il nuovo reggente della presunta cosca malavitosa. Forte riduzione della pena per Barbato Crocetta Giovanni che passa da 7 anni e due ad una condanna di 5 anni e Panariello Pasquale che ha riportato in appello una condanna di 4 anni e 10.
    Gli unici due ad ottenere una della pena. Il primo difeso dall’avvocato Gennaro De Gennaro ha riportato una condanna di 5 anni per la tentata estorsione consumata ai danni di un tabaccaio di Scafati a Via Passanti, per violazione della legge sulle armi, reati aggravati dal metodo mafioso, riciclaggio, ricettazione e detenzione di marijuana. Il Barbato non aveva confessato i reati e non ha collaborato con la giustizia.
    Panariello Pasquale, difeso dalla penalista Anna Fusco, condannato in primo grado alla pena di anni 6 e mesi due per tentata estorsione iper G, detenzione di armi aggravati dal metodo mafioso e detenzione di droga ha riportato una condanna ad anni 4 e mesi 10 di reclusione.Palma Antonio, soggetto già coinvolto nella faida sanguinaria Muollo- Ridosso, difeso dall’avvocato Gennaro De Gennaro ed Anna Fusco ha riportato una condanna di 4 anni per la tentata estorsione iper G e per la detenzione di armi. Per questa tentata estorsione è stato assolto Patrone Nicola.
    Muollo Vincenzo difeso dall’avvocato Pasquale Morra ha riportato l’assoluzione. Nappo Vincenzo difeso dall’avvocato Massimo Torre è stato condannato ad anni 2. Pena di anni uno e mesi 8 per Berritto Francesco difesa dalla penalista Stefania Pierro.Secondo gli inquirenti questi soggetti avrebbero chiesto tangenti a suon di bombe e proiettili.
    Tre i tentativi di estorsione avvenuti tra i mesi di agosto e dicembre dello scorso anno ai danni di un imprenditore dell’area scafatese, contestati agli imputati che facendo riferimento all’appartenenza al clan Matrone di Scafati, chiedevano ai commercianti di pagare il pizzo. Tra i vari attentati contestati, quello nei confronti dell’insegna dei Roxe Legend Bar di via Melchiade di proprietà della famiglia Buonocore. Un altro davanti al centro scommesse di via Martiri d’Ungheria “Fly Play”.
    E ancora, colpi di pistola calibro 7,65 nei confronti del bar La Dolce Vita di Giuseppina Generali, moglie di Dario Spinelli (ora pentito) per finire ad agosto 2017 quando finirono nel mirino la pescheria Acqua e Sale di via Montegrappa (a commettere l’attentato furono per gli inquirenti i fratelli Panariello) il negozio di parruccheria Nico Style di Nicola Tamburo. L’Antimafia nella sua conclusione indagini ha anche contestato la lettera dal carcere che Panariello spedì al fratello nella quale sarebbe emersa la volontà del detenuto di far scomparire la pistola servita per l’attentato al ristorante pescheria.
    A dicembre, poi, l’estorsione al titolare di un tabacchi da parte di Giovanni Barbato Crocetta. Secondo gli inquirenti le azioni criminose erano state ordinate da Peppe Buonocore il quale, proprio ai giudici del Riesame di Salerno, ribadì di non essere artefice di nessun clan e il Tribunale confermò che nelle azioni delittuose non c’era agevolazione mafiosa. LEGGI TUTTO

  • in

    Traffico di droga tra Salerno, Napoli, Scafati e Boscoreale gestito da Raffaele Iavarone e il clan Aquino. I NOMI DEGLI ARRESTATI

    C’era Raffaele Iavarone narcotrafficante dietro il traffico di droga tra Napoli, Salerno, Verbania e Cosenza stroncata dalle squadre mobile delle quattro città con 25 misure cautelari eseguite nella notte. E con lui il clan Aquino operante tra Scafati e Boscoreale.

    Gli investigatori della Sezione Antidroga della Squadra Mobile di Salerno, coadiuvati da personale delle Squadre Mobili di Napoli, Verbania e Cosenza, con l’ausilio dei Reparti Prevenzione Crimine Campania, Calabria e Puglia, di unità cinofili e il supporto aereo di un elicottero della Polizia di Stato, all’alba di oggi, hanno eseguito, nelle province di Salerno, Napoli, Verbania e Cosenza, un’ordinanza di misura cautelare, emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Salerno, su conforme richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Salerno, nei confronti di 25 indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.
    Pubblicità
    Lo sviluppo delle attività di indagine, condotte dalla Sezione Antidroga, ha permesso di acclarare l’esistenza di un sodalizio criminale, facente capo a IAVARONE Raffaele, dedito all’approvvigionamento di ingenti quantitativi di hashish e cocaina per diversi gruppi criminali che gestiscono lo spaccio di stupefacenti nella città di Salerno ed in provincia.IAVARONE Raffaele è risultato il capo indiscusso, promotore, finanziatore e organizzatore del gruppo criminale; è colui che detta le direttive per l’acquisto e la cessione della sostanza stupefacente .
    [embedded content]
    Personaggio di grande spessore criminale, con a carico numerosi precedenti penali, non risulta abbia mai svolto alcuna lecita attività lavorativa, traendo i proventi per il suo sostentamento esclusivamente dall’attività criminale. È intraneo agli ambienti dello spaccio di stupefacenti da circa 20 anni.
    Lo IAVARONE, ha mantenuto sempre un tenore di vita basso al fine di non attirare su di se l’attenzione delle forze dell’ordine, provvedendo anche al riciclaggio del denaro attraverso il trasferimento dello stesso su conti intestati a terze persone insospettabili e non a lui riconducibili Solo raramente, ha partecipato in prima persona a scambi di droga ed accordi per l’approvvigionamento o la riscossione dei soldi per le forniture eseguite.
    Le attività investigative, svolte anche con opportuni supporti tecnico-scientifici, hanno permesso di documentare le cessioni di sostanze stupefacente attuate dagli indagati direttamente nelle fasi contingenti della loro perpetrazione, oltre che individuare i fornitori, i luoghi di custodia dello stupefacente nonché i relativi acquirenti/spacciatori.Le forniture di cocaina erano assicurate da OISFI Hicham alias Emilio ed AQUINO Giuseppe, residenti a Scafati e Boscoreale, che stabilmente rifornivano il gruppo di IAVARONE anche con ingenti quantitativi.
    L’hashish veniva acquistato nella cittadina di Sarno dal gruppo facente capo a SIRICA Guglielmo, con la collaborazione di SQUILLANTE Emilio e SIRICA Domenico Pasquale: durante le indagini furono sequestrati circa 41 Kg di Hashish e successivamente durante un’altra consegna furono sequestrati altri 18 Kg di Hashish.Nel corso di indagini sono state tratte in arresto nr. 7 persone in flagranza di reato ex art. 73 DPR 309/90 con contestuale sequestro di quantitativi di diverse tipologie di sostanze stupefacenti.
    In particolare, nella mattinata del 19 giugno 2018, veniva tratto in arresto IAVARONE Raffaele, unitamente a VITALE Luca e COSENTINO Antonio.Nel corso delle investigazioni, si rilevava che IAVARONE Raffaele aveva organizzato l’acquisto di sostanza stupefacente del tipo cocaina con alcuni fornitori della zona di Boscoreale, e da rivendere a spacciatori di Salerno.
    Dalle intercettazioni emergeva che il “viaggio” per l’approvvigionamento sarebbe stato effettuato direttamente dallo IAVARONE, unitamente al COSENTINO ed al VITALE, con quest’ultimo a bordo di uno scooter per il trasporto della sostanza stupefacente e lo IAVARONE e COSENTINO, a bordo dell’autovettura BMW X5, con il compito di fungere da “staffetta” al motoveicolo.
    Veniva effettuato un pedinamento fino all’ingresso di Boscoreale, durante il viaggio di rientro i veicoli venivano intercettati e pedinati fino all’ingresso di Salerno, dove la BMW X5, con a bordo IAVARONE e COSENTINO, accortosi di essere pedinati, effettuavano una brusca manovra di uscita dal tratto stradale, cambiando direzione di marcia.
    Ne nasceva un inseguimento, durante il quale parte degli equipaggi impegnati cercavano di bloccare l’autovettura, mentre altri inseguivano il motoveicolo, che nel frattempo cercava di guadagnare la fuga.
    Entrambi i veicoli venivano bloccati nella città di Salerno e, in seguito a perquisizione, venivano trovati e sequestrati nel vano sottosella dello scooterone due panetti di sostanza stupefacente del tipo cocaina per un peso complessivo di Kg.2,160.
    Nel corso delle indagini emergeva che IAVARONE Raffaele, a capo del sodalizio criminale, ha utilizzato, come deposito per la sostanza stupefacente del tipo Hashish, dei locali adiacenti l’abitazione di tale ATTIANESE Nicola, a Pontecagnano Faiano , si è accertato che TUFANO Claudio utilizzava sia casa dell’ATTIANESE sia un suo sgabuzzino ricavato nel vano sottoscala dell’androne dell’abitazione, per stoccare la sostanza stupefacente.
    Nel pomeriggio del 5 gennaio 2018, si notava l’ATTIANESE nascondere nr. 2 grossi zaini nell’abitazione del TUFANO, che a sua volta li spostava nello sgabuzzino. Si decideva di intervenire ed era tratto in arresto TUFANO Claudio, perché trovato in possesso di Kg. 41,890 di Hashish e sei pistole, di diverso calibro, alcune prive di matricola e complete del relativo munizionamento.
    Il sodalizio criminale ha creato una stabile rete di rapporti con numerosi spacciatori collegati a diverse piazze di spaccio di stupefacenti in diverse zone cittadine di Salerno: cd. “centro storico”, Sant’Eustacchio, Canalone, cd. “Villaggio dei Puffi”, Pastena, Torrione, Mercatello, Mariconda.
    I componenti del sodalizio, ben avvezzi all’attività di traffico e spaccio di stupefacenti, consapevoli della illiceità dei temi trattati, durante le conversazioni telefoniche intercettate hanno adoperato sempre un linguaggio criptico ed utilizzato forme di comunicazioni implicite previamente concordate per evitare di esplicitare il reale oggetto dei loro colloqui. Sono state rilevate anche molteplici utenze telefoniche, fittiziamente intestate a terzi, alcune utilizzate per consentire agli accoliti di comunicare tra di loro con una sorta di “circuito chiuso” in modo da eludere le intercettazioni telefoniche.
    Inoltre, si è constatato che l’organizzazione ha disposto di grandi somme di denaro per acquistare rilevanti partite di droga: ne è la conferma il recupero di Kg. 42 di hashish e sei pistole trovati in possesso e custoditi per conto dell’organizzazione da TUFANO Claudio, per un valore di circa 50/60 mila euro ed un mancato guadagno di circa 100 mila euro; il recupero di Kg. 18 di hashish per un valore di circa 20 mila euro ed un mancato guadagno di circa 30/35 mila euro; il recupero di Kg. 2,168 di cocaina detenuti da IAVARONE Raffaele, COSENTINO Antonio e VITALE Luca, per un valore di circa 70 mila euro ed un mancato guadagno di circa 100/120 mila euro.
    Infine, il sodalizio ha versato periodicamente una quota dei proventi della vendita delle sostanze stupefacenti a soggetti in stato di custodia cautelare (come TUFANO Claudio).La misura cautelare è stata applicata nei confronti di:
    1. IAVARONE Raffaele cl.1982, di Salerno, già agli arresti domiciliari per altra causa, (custodia in carcere)2. RUSSO Giuseppe cl.1981, di Salerno (custodia in carcere)3. NOSCHESE Mario cl.1972, di Salerno (custodia in carcere)4. ATTIANESE Nicola cl.1972, di Pontecagnano Faiano, già detenuto per altra causa (custodia in carcere)5. VITALE Luca cl.1985, di Salerno, già agli arresti domiciliari per altra causa (custodia in carcere)6. ROMANO Aniello cl.1986, di Baronissi (custodia in carcere)7. PIERNO Giuseppe cl.1981, di Salerno (custodia in carcere)8. ROMANO Ciro cl.1987, di Salerno (custodia in carcere)9. VICINANZA Gianluca cl.1989, di Salerno (custodia in carcere)10. IANNONE Gerardo cl.1991, di Salerno (custodia in carcere)11. PIERRO Antonio cl.1991, di Salerno (custodia in carcere)12. AMATO Fulvio cl.1977, di Salerno (custodia in carcere)13. OISFI Hicham, alias Emilio cl.1984, di Scafati (custodia in carcere)14. AQUINO Giuseppe cl.1982, di Boscoreale (custodia in carcere)15. SIRICA Guglielmo cl.1957, di Sarno (custodia in carcere)16. SIRICA Domenico Pasquale cl.1990, di Sarno (custodia in carcere)17. SQUILLANTE Emilio cl.1978 di Sarno, domiciliato a Verbania (custodia in carcere)18. TUFANO Claudio cl.1967, di Pontecagnano Faiano, già agli arresti domiciliari a Scalea per altra causa (custodia in carcere)19. COSENTINO Antonio cl.1971, di Baronissi (custodia in carcere)20. NISI Alessandro cl.1994, di Salerno, già detenuto per altra causa (custodia in carcere)21. LANGELLA Giovanni cl.1982, di Boscoreale, già agli arresti domiciliari a Scafati per altra causa (custodia in carcere)22. PLACANICO Massimiliano cl.1974, di Salerno, già agli arresti domiciliari per altra causa (custodia in carcere)23. NATELLA Mauro cl.1992, di Salerno, già detenuto per altra causa (arresti domiciliari)24. SICA Michele cl.1994, di Salerno, già agli arresti domiciliari per altra causa (arresti domiciliari)25. DE MARTINO Felice cl.1978, di Salerno (arresti domiciliari).
    Pubblicità LEGGI TUTTO

  • in

    Scafati, sorpreso a spacciare al confine con Pompei: arrestato 48enne

    Pubblicità Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato di Pompei, durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno notato in viale Pompei Traversa Capone a Scafati un uomo che, dopo aver consegnato qualcosa a una persona in cambio di una banconota, è rientrato in un’ abitazione. Pubblicità I poliziotti hanno fermato sia l’acquirente, […] LEGGI TUTTO

  • in

    Scafati, arrestato spacciatore con reddito di cittadinanza, in trasferta a Torre Annunziata

    Da Scafati a Torre Annunziata per vendere marijuana, violando anche le misure restrittive per il contenimento del contagio da Covid-19. Arrestato dai finanzieri del gruppo di Torre Annunziata un uomo di  31 anni che, oltretutto, percepiva indebitamente il reddito di cittadinanza nonostante le sue notevoli disponibilità economiche. L’uomo è stato sorpreso nel centro di Torre […] LEGGI TUTTO

  • in

    Scafatia, arrestato spacciatore con reddito di cittadinanza, in trasferta a Torre Annunziata

    Pubblicità’ Da Scafati a Torre Annunziata per vendere marijuana, violando anche le misure restrittive per il contenimento del contagio da Covid-19. Arrestato dai finanzieri del gruppo di Torre Annunziata un uomo di  31 anni che, oltretutto, percepiva indebitamente il reddito di cittadinanza nonostante le sue notevoli disponibilità economiche. Pubblicità L’uomo è stato sorpreso nel centro […] LEGGI TUTTO

  • in

    Scafati, bancarotta fraudolenta della cartotenica Santarpino: 4 misure cautelari e sequestro beni

    Pubblicità’ Bancarotta fraudolenta, in quattro nei guai nel salernitanoNelle prime ore della mattinata odierna, la Guardia di Finanza di Salerno, su disposizione del GIP del Tribunale di Nocera Inferiore, ha eseguito, nei comuni di Scafati , Pagani e Poggiomarino, un’ordinanza dispositiva della misura cautelare personale dell’obbligo di dimora nei confronti di 4 soggetti ritenuti responsabili, […] LEGGI TUTTO

  • in

    Scafati, scarcerata la ‘signora dello spaccio’ Anna Albano

    Il giudice del tribunale di Torre Annunziata ha accolto l’istanza presentata dall’avvocato Gennaro De Gennaro ed ha scarcerato un’altra componente della famiglia di spacciatori arrestati il 10 febbraio dai Carabinieri di Boscoreale.I militari avevano scoperto una vera e propria centrale dello spaccio a carattere familiare che aveva il suo centro propulsore a Scafati, nella zona […] LEGGI TUTTO