More stories

  • in

    Caprodrise, denuncia una rapina mai avvenuta: denunciato 30enne

    Un 30enne di Capodrise, provincia di Caserta, è stato denunciato dai Carabinieri per simulazione di reato dopo aver inventato una rapina. L’uomo, il 1° maggio scorso, si era presentato alla Stazione dei Carabinieri di Marcianise raccontando di essere stato vittima di un’aggressione.
    Con dovizia di particolari, aveva infatti descritto di essere stato avvicinato da due uomini a bordo di uno scooter mentre si recava a piedi verso un bar per fare colazione.
    I due malviventi, con il volto coperto dai caschi e la minaccia di una pistola, gli avevano intimato di consegnare il portafogli contenente documenti, bancomat e 350 euro in contanti.
    Tuttavia, la ricostruzione del 30enne è apparsa subito poco credibile ai Carabinieri, che hanno iniziato a indagare. Visionando le immagini delle telecamere di sorveglianza della zona, gli investigatori hanno scoperto che la rapina non era mai avvenuta.
    L’uomo, messo alle strette, ha confessato di aver inventato tutto per motivi non ancora chiariti. I Carabinieri lo hanno quindi denunciato alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere per simulazione di reato.

    Leggi Anche LEGGI TUTTO

  • in

    EPISODIO CHOC Napoli, chiedono informazioni in stazione: drogati e rapinati anche delle scarpe. Due arresti

    Nella stazione ferroviaria di Napoli, un gesto di cortesia si è trasformato in un’agghiacciante esperienza per tre ragazzi egiziani, che hanno subito un brutale atto di rapina e aggressione dopo aver chiesto informazioni al personale presente. Secondo quanto riportato dalla Polizia Ferroviaria Campania, il cui intervento è stato sollecitato da un’ordinanza del GIP del Tribunale di Napoli, due individui di nazionalità algerina sono stati arrestati con l’accusa di rapina aggravata e lesioni.
    La trama di questa terribile vicenda inizia quando i tre ragazzi egiziani si trovavano nella Stazione Centrale di Napoli il 23 settembre scorso. Qui, hanno incrociato B.R. e A.H., due algerini che si sono offerti di accompagnarli e addirittura di offrire loro da bere come segno di ospitalità.
    Tuttavia, la generosità si è rivelata un inganno crudele: dopo aver accettato la bevanda offerta, i ragazzi egiziani hanno cominciato a sentirsi storditi e confusi, fino a perdere conoscenza. Si sono risvegliati solo diverse ore dopo, privi di sensi e completamente derubati: portafogli, zaini con note griffe di alta moda, cellulari, cuffie e addirittura le scarpe sono spariti. Le indagini condotte dalla polizia ferroviaria, in stretta collaborazione con la Procura di Napoli, hanno permesso di identificare e arrestare i presunti autori di questo crimine. LEGGI TUTTO

  • in

    Rapina in tabaccheria ad Aprilia, arrestato un 34enne

    I carabinieri Norm di Aprilia hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Latina nei confronti di un 34enne rumeno, ritenuto responsabile della rapina al tabacchi di via Ugo Fiscolo avvenuta lo scorso 5 febbraio. Secondo le ricostruzioni il malfattore, insieme a due complici, nei confronti dei quali continuano le indagini […] LEGGI TUTTO

  • in

    Rapina alla Unicredit di Modena: arrestato il terzo napoletano trasfertista

    La polizia di Modena ha catturato ieri mattina a Napoli un uomo di 52 anni, con precedenti penali, sospettato di essere coinvolto nella rapina perpetrata il 21 luglio 2023 presso la sede Unicredit di viale dei Corassori, a Modena.
    Questo nuovo arresto porta a tre il numero totale di persone fermate in relazione alla rapina. Dopo l’arresto dei primi due sospettati, le attività investigative si sono concentrate sull’auto parcheggiata sul retro della banca, utilizzata dai rapinatori per raggiungere la filiale, e sugli oggetti trovati all’interno della vettura.
    I rilievi della polizia scientifica, che hanno incluso il recupero di “frammenti papillari” all’interno dell’auto e di alcuni biglietti autostradali, sono stati determinanti. Analizzando i varchi autostradali, gli investigatori sono riusciti a ricostruire il percorso della vettura utilizzata per raggiungere Modena.
    Inoltre, sono stati sequestrati cellulari e schede telefoniche. Il sospettato di 52 anni è attualmente detenuto nel carcere di Poggioreale a Napoli, in attesa dell’interrogatorio di garanzia. LEGGI TUTTO

  • in

    Napoli, rapina un giovane e scappa: arrestato un 29enne

    Nella notte appena trascorsa, gli agenti del Commissariato Vicaria– Mercato, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Cesare Rosaroll, sono stati attirati dalle urla di alcune persone le quali, indicando due soggetti in fuga in direzione di porta Capuana, li avevano individuati come autori di una rapina appena perpetrata ai danni di un giovane.
    I poliziotti, prontamente intervenuti, hanno raggiunto e bloccato uno dei prevenuti in via Carriera Grande trovandolo in possesso di un coltello, mentre l’altro è riuscito a far perdere le sue tracce.
    Inoltre, gli operatori hanno accertato che il predetto, poco prima, insieme al complice, dopo aver minacciato con un coltello alla gola il giovane gli aveva asportato il telefono cellulare.
    Per cui, l’indagato, un 29enne della provincia di Caserta, con precedenti di polizia, è stato tratto in arresto per rapina aggravata. LEGGI TUTTO

  • in

    Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

    Napoli. E’ stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava rifornendo di carburante il suo scooter in via Reggia di Portici.
    All’alba di oggi infatti carabinieri e Polizia di Stato, su delega della Procura di Napoli, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, nei confronti di un ventenne originario del quartiere Ponticelli.
    Era in compagnia del 17enne che fece fuoco contro l’ingegnere che reagì al tentativo di rapina, e che era stato arrestato nel settembre scorso.
    Lui guidava lo scooter ma risponde di complicità in tentato omicidio aggravato, tentata rapina aggravata, porto abusivo di arma da fuoco in luogo pubblico e ricettazione. LEGGI TUTTO

  • in

    IL FATTO Tenta rapina e aggredisce un altro uomo, arrestato 39enne a Porta Capuana

    Nella mattinata di ieri, durante un servizio di controllo del territorio, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e del Commissariato Decumani hanno osservato un uomo che, cercando aiuto, stava inseguendo un altro individuo in piazza San Francesco a Capuana.
    Alla vista degli agenti, quest’ultimo ha occultato un bastone sotto un’auto parcheggiata. Gli agenti sono intervenuti prontamente, bloccando l’uomo e recuperando il bastone insieme a un cacciavite che aveva in suo possesso. Poco dopo, l’uomo che stava dando la caccia al prevenuto si è avvicinato agli agenti e ha raccontato di essere stato minacciato con il bastone mentre passeggiava con un amico in piazza Garibaldi.
    Il sospetto aveva infatti tentato di rapinargli il portafogli e successivamente aveva anche colpito l’amico alla testa. A seguito di questi eventi, il sospetto, un 39enne del Bangladesh, è stato arrestato con l’accusa di tentata rapina e di lesioni personali aggravate. LEGGI TUTTO

  • in

    Caserta tentata rapina a una coppia: arrestati due minorenni

    La Polizia di Stato di Caserta ha fermato due minorenni, di origine nordafricana, ritenuti responsabili di una tentata rapina. Una volante è intervenuta a Caserta, a seguito di una segnalazione al 113, per un tentativo di rapina ai danni di una coppia.
    Sul posto, anche con il contributo di alcuni testimoni, è stata fornita una dinamica dei fatti accaduti, anche con una descrizione dei due giovani che, approfittando del buio della zona, hanno minacciato con una pistola gli occupanti di una vettura di consegnare quanto in possesso.
    Grazie anche ad alcune persone presenti, che hanno distratto i due, le vittime si sono allontanate dal luogo. Gli indizi raccolti hanno consentito di individuare i due giovani, presso una casa famiglia di Caserta, che sono stati sottoposti a fermo di indiziato di delitto. Il giudice ha disposto per i due l’applicazione della custodia cautelare e sono stati associati all’istituto penale per minorenni di Nisida. LEGGI TUTTO

  • in

    IL FATTO Doppia rapina in abitazioni in provincia di Caserta, 43enne in cella

    La Polizia di Stato ha arrestato, su ordine del Gip del tribunale di Napoli Nord, un 43enne di origine albanese ritenuto uno dei quattro banditi che il 7 agosto scorso colpirono in due abitazioni di Lusciano (Caserta), legando e picchiando i due proprietari, madre e figlio di 84 e 54 anni.
    Determinanti per individuare il rapinatore alcune tracce biologiche lasciate sul luogo del delitto. Gli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Caserta hanno inoltre acquisito numerosi elementi informativi sul territorio arrivando, grazie anche al supporto del personale del Servizio Centrale Operativo (Sco), ad individuare con certezza il 43enne.
    Questi, insieme agli altri tre complici non ancora identificati, il 7 agosto scorso penetrarono prima a casa del 54enne, legandolo ad un termosifone, prendendolo a calci e pugni per farlo collaborare, arrivando a mettergli la canna dell’arma in bocca; riuscirono così a impossessarsi di denaro e alcuni preziosi del valore di circa 10mila euro, quindi passarono a casa della madre del 54enne, dove ripeterono lo stesso copione ai danni dell’anziana, portando via altri preziosi. LEGGI TUTTO

  • in

    Arzano, ladro al ristorante: arrestato grazie a una telefonata anonima al 112

    Questa notte ad Arzano i carabinieri della sezione radiomobile della compagnia di Casoria e i militari della tenenza di Arzano hanno arrestato per furto aggravato Gioacchino Piscopo, 36enne del posto già noto alle forze dell’ordine.
    Sono le 2 di notte e la gazzella – allertata dal 112 – a via Pecchia per la segnalazione di un furto nel ristorante Satya. I carabinieri – impegnati in uno dei quotidiani servizi di prevenzione disposti della Compagnia di Casoria – sono a poche centinaia di metri entrano nell’attività commerciale e trovano il 36enne con le “mani nel sacco”.
    Pochi secondi e, nonostante un breve tentativo di fuga, l’uomo viene immobilizzato e arrestato.
    Nell’auto di Piscopo sono state rinvenute alcune bottiglie tra vino e champagne sulle quali sono in corso accertamenti. Il veicolo e la refurtiva sono stati sequestrati. L’arrestato è in attesa di giudizio. LEGGI TUTTO

  • in

    Tentata rapina alle poste di Francavilla al Mare: condannati 5 napoletani

    Il Tribunale di Chieti ha condannato cinque persone, tutte di Napoli, per tentata rapina all’ufficio postale di viale Majella a Francavilla al Mare.
    Si tratta di Emilio Santillo di 53 anni, Leonardo Musdace di 51, Giancarlo Di Pinto di 45 anni, condannati ognuno a 2 anni e due mesi di reclusione e 700 euro di multa, e di Raffaele Rende, 50 anni, e Arturo Gatto di 38 anni, che hanno avuto due anni di reclusione e 666 euro di multa.
    Il pm Lucia Campo aveva chiesto per tutti l’assoluzione perché il fatto non sussiste dall’accusa di tentata rapina e la condanna per tutti, a un anno e due mesi, per aver alterato la targa di un ciclomotore sul quale viaggiavano Santillo e Musdace il giorno del tentato colpo ovvero il 5 dicembre del 2019.
    I cinque furono bloccati dalle forze dell’ordine
    Da questa accusa Rende e Gatto sono stati assolti per non aver commesso il fatto. Secondo l’accusa, i cinque in concorso fra loro avevano compiuto atti idonei diretti in modo non equivoco a consumare la rapina nell’ufficio postale, utilizzando per raggiungere lo scopo cappelli e scalda collo per non farsi riconoscere in volto.
    Ma non riuscirono a portare a termine il loro intento in quanto l’azione criminosa venne interrotta dall’intervento delle forze dell’ordine. LEGGI TUTTO

  • in

    Napoli, senegalese arrestato per una rapina in via Marina

    Aggredisce e rapina un migrante in via Marina insieme con un complice: arrestato senegalese.
    Un uomo, sospettato di essere coinvolto in una rapina, è stato arrestato dagli agenti del Gruppo Intervento Territoriale della Polizia locale di Napoli, intervenuti in seguito a una segnalazione di una colluttazione in corso in via Nuova Marina, altezza via Loggia di Genova.
    W. A., nato in Pakistan, ha dichiarato di essere stato vittima di una rapina e di essere stato picchiato da due persone, indicando M. L. D., di nazionalità senegalese, come uno degli autori. Il denunciante, con evidenti segni di lesioni, ha raccontato che i due aggressori lo hanno immobilizzato, puntandogli un coltello all’addome, per poi sottrargli il cellulare e altri effetti personali.
    Il senegalese è stato bloccato in flagranza di reato dopo un tentativo di fuga. Dai successivi controlli è emerso che l’uomo, con vari precedenti, è irregolare sul territorio e già destinatario di un ordine di espulsione dal territorio nazionale. LEGGI TUTTO