More stories

  • in

    Ana Betz da show girl a capo della ‘Petrol-Mafie Spa’: i rapporti coi Moccia

    🔊 Ascolta la notizia Anna Bettozzi, in arte Ana Betz, aveva ereditato un impero, quello della Max Petroli, dal marito Sergio Di Cesare. Oggi e’ finita in carcere accusata di favorire la camorra, perche’ la sua societa’ era manovrata da Antonio Moccia, boss del clan Moccia di Afragola. ”Si tratta del capo indiscusso dell’organizzazione, della […] LEGGI TUTTO

  • in

    Afragola, riceveva clienti a casa: in manette la pusher del rione Salicelle

    🔊 Ascolta la notizia

    Riceveva clienti nella sua abitazione del rione Salicelle di Afragola: in manette una donna pusher di 49anni.
    Non si ferma l’azione di contrasto all’illegalità da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli. I Carabinieri della compagnia di Casoria hanno setacciato le strade delle città di Afragola e Casoria. Massimo impegno dei militari dell’Arma dislocati nei punti strategici delle città per posti di controllo.Diverse le perquisizioni per la ricerca di armi e droga. Durante le operazioni i Carabinieri della compagnia di Casoria hanno arrestato per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti una 49enne del rione Salicelle già nota alle forze dell’ordine.
    IL BLITZ A CASA DELLA DONNA AL RIONE SALICELLE
    I Carabinieri hanno perquisito la sua abitazione che in questi giorni era particolarmente “frequentata” da troppe persone. Rinvenuti e sequestrati 384 grammi di marijuana, di questi 25 grammi erano già suddivisi in 20 dosi pronte alla vendita. La sostanza stupefacente era custodita all’interno di uno zaino. L’arrestata è in attesa di giudizio.Trending:Sfiducia agli Ordini degli avvocati: la vicenda arriva in Parlamento
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, accoltella il cugino, poi si consegna alla polizia
    I militari – durante i controlli – hanno sanzionato 5 persone per l’inosservanza delle norme anti-contagio: non indossavano la prevista mascherina. Identificate 55 persone, 25 i pregiudicati e controllati 45 veicoli. I servizi di controllo straordinario disposti dal comando provinciale di napoli continueranno nei prossimi giorni.
    .u4c8ab0d6d09178954736bbb3168e6a3b { padding:0px; margin: 0; padding-top:1em!important; padding-bottom:1em!important; width:100%; display: block; font-weight:bold; background-color:#eaeaea; border:0!important; border-left:4px solid #34495E!important; box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); -moz-box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); -o-box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); -webkit-box-shadow: 0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17); text-decoration:none; } .u4c8ab0d6d09178954736bbb3168e6a3b:active, .u4c8ab0d6d09178954736bbb3168e6a3b:hover { opacity: 1; transition: opacity 250ms; webkit-transition: opacity 250ms; text-decoration:none; } .u4c8ab0d6d09178954736bbb3168e6a3b { transition: background-color 250ms; webkit-transition: background-color 250ms; opacity: 0.9; transition: opacity 250ms; webkit-transition: opacity 250ms; } .u4c8ab0d6d09178954736bbb3168e6a3b .ctaText { font-weight:bold; color:inherit; text-decoration:none; font-size: 16px; } .u4c8ab0d6d09178954736bbb3168e6a3b .postTitle { color:#000000; text-decoration: underline!important; font-size: 16px; } .u4c8ab0d6d09178954736bbb3168e6a3b:hover .postTitle { text-decoration: underline!important; } LEGGI ANCHE  Omicidio del boss Gaetano Marino: ergastolo per i due killer, 22 anni ai complici LEGGI TUTTO

  • in

    Afragola, libero uno dei rapinatori che causò un’incidente sull’Asse Mediano

    🔊 Ascolta la notizia

    Libero uno dei rapinatori che causò un’incidente sull’Asse Mediano

    Silvio Pirozzi, noto come ‘o pilota nel rione Salicelle di Afragola, protagonista di un incidente sull’ Asse Mediano, avendo imboccato un’uscita contromano, mentre era in fuga dalla forze dell’ordine dopo aver compiuto una rapina con dei complici, è tornato in libertà per un vizio di forma. Infatti, come racconta Internapoli, il Tribunale del Riesame ha disposto la scarcerazione di Pirozzi per inefficacia della misura della custodia cautelare in carcere per intempestività della notifica relativa all’avviso di fissazione dell’udienza camerale.

    Per festeggiarne la scarcerazione, nel suo quartiere di residenza, il rione Salicelle, sono stati esplosi fuochi di artificio.
    Intano anche sui social, come segnalato al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli, c‘è chi esulta per la scarcerazione di ‘o pilota. Si tratta degli stessi soggetti che manifestarono solidarietà per i rapinatori afragolesi quando vennero arrestati e che diffusero sui social il vergognoso attacco mediatico ai carabinieri per gli arresti al Rione Salicelle che si rivelò montato ad arte per screditare l’arma.

    LEGGI ANCHE  Ospina: ‘Partita difficilissima, ora testa al campionato’

    Trending
    Aversa, sequestrato opificio clandestino che produceva sigarette elettroniche

    “Incredibile che si rimetta in libertà un pericoloso criminale, che ha rischiato anche di uccidere delle persone innocenti, per un vizio di forma. Siamo senza parole. La burocrazia è più importante della giustizia? Che si riveda immediatamente la decisione.

    L’esultanza per questa scarcerazione è testimonianza di una cultura criminale che continua a dilagare in maniere sempre più rapida e pericolosa.”- commetta il Consigliere Borrelli
    “Viviamo in una società in cui i valori sembrano capovolti. Si festeggia per una scarcerazione, si condanna lo stato, si giustificano i reati e tanto altro ancora. Per fortuna la città di Afragola non è questa, non solo. La nostra comunità locale è costituita soprattutto da tante persone oneste e libere, che sono una speranza e sono la società sulla quale vogliamo e dobbiamo costruire il futuro.”- prosegue Salvatore Iavarone, coordinatore di Europa Verde per l’area Nord di Napoli LEGGI TUTTO

  • in

    Afragola, ‘Protezione dagli amici delle palazzine’: arrestato

    🔊 Ascolta la notizia

    I carabinieri della sezione operativa di Casoria hanno arrestato per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso Marco Antonio Credentino, 31enne di origini venezuelane già noto alle forze dell’ordine.

    Un uomo travisato ha avvicinato un imprenditore edile del posto e chiesto 2mila euro, destinati a garantire la “protezione” del cantiere dove stava lavorando. Ha poi riferito che sarebbe passato nei giorni successivi per riscuotere.L’impresario non ha ceduto e ha denunciato tutto ai carabinieri che hanno organizzato un servizio di appostamento. A raggiungere il cantiere per incassare la somma proprio Credentino, presentantosi come appartenente a “quelli delle palazzine”. Prima che potesse allontanarsi il 31enne è stato bloccato, arrestato e tradotto al carcere di Secondigliano. LEGGI TUTTO

  • in

    Afragola, cadavere carbonizzato nel parcheggio del centro commerciale

    🔊 Ascolta la notizia

    Gli agenti del commissariato di Afragola stanno indagando sulla morte di una persona trovata all’interno di un’auto bruciata nel parcheggio del centro commerciale Le Porte di Napoli.

    Le forze dell’ordine sono state allertate da una guardia giurata che ha segnalato la presenza di una persona riversa all’interno dell’auto parcheggiata. Gli agenti hanno accertato che si trattava di una persona ormai deceduta. Le indagini sono affidate agli agenti del commissariato di Afragola.

    Non si esclude che l’uomo possa essere stato torturato e poi bruciato. Gli investigatori stanno prendendo visione dei filmati delle telecamere di sorveglianza del centro commerciale per poter avere elementi utili alle indagini e risalire ai responsabili ma anche stabilire l’identità della vittima. Si attende ora l’intervento del medico legale per stabilire le cause del decesso. LEGGI TUTTO

  • in

    Due rapinatori in fuga contromano presi dalla polizia ad Afragola

    🔊 Ascolta la notizia
    Due rapinatori in fuga contromano presi dalla polizia ad Afragola

    Scene da film d’azione, oggi, in provincia di NAPOLI, con tanto di inseguimento tra alcune “pantere” della Ps e una vettura con a bordo due rapinatori, uno dei quali e’ stato preso dagli agenti al termine di un inseguimento a piedi scattato dopo un incidente provocato perche’ i banditi procedevano contromano. Dopo avere messo a segno una rapina in un distributore di carburante a Grumo Nevano i due rapinatori sono fuggiti inseguiti da una volante del commissariato Frattamaggiore.
    I rapinatori, secondo quanto si e’ appreso, hanno imboccato un’uscita dell’Asse Mediano controsenso, nel comune di Afragola, e si sono scontrati con un suv. Il conducente del suv e un rapinatore, sono rimasti nell’abitacolo, feriti in maniera non grave. Il secondo rapinatore invece ha tentato la fuga a piedi ma e’ stato bloccato dai poliziotti anche grazie all’aiuto di una volante del commissariato di Afragola. Il rapinatore ferito e’ ora ricoverato nell’ospedale Cardarelli, piantonato dagli agenti. L’altro invece e’ in stato di arresto nel commissariato di Frattamaggiore.

    PUBBLICITA LEGGI TUTTO

  • in

    Afragola, il nuovo gruppo del clan Moccia condizionava le aste giudiziarie

    🔊 Ascolta la notizia

    Sette persone sono finiti in manette ad Afragola e comuni limitrofi. fanno parte del nuovo gruppo del clan Moccia che condizionava le aste giudiziarie.
    Questa mattina, infatti,  a Napoli, Arzano, Cardito, Afragola e Casoria personale della Squadra Mobile di Napoli e del Commissariato di polizia di Afragola hanno dato esecuzione a un’ordinanza restrittiva, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, a carico di più soggetti ritenuti, a vario titolo, gravemente indiziati dei reati di turbata libertà degli incanti, estorsione, detenzione e porto di armi da fuoco clandestine aggravati dal metodo mafioso.
    Le indagini, svolte tra novembre e dicembre 2020, hanno permesso di raccogliere elementi probatori nei confronti di un gruppo criminale che, avvalendosi delle condizioni di cui all’art 416 bis c.p., ha condizionato l’andamento di alcune aste giudiziarie relative ad immobili situati ad Afragola e Casoria, territori storicamente riconducibili al controllo del clan Moccia.

    PUBBLICITA

    È emersa, in particolare, la realizzazione di atti intimidatori diretti ad influenzare l’esito di almeno tre aste giudiziarie ed assicurare un controllo di natura camorristico su questo tipo di attività.

    LEGGI ANCHE  Covid, Di Lauro (M5s): ‘Spenti cluster all’ospedale San Leonardo di Castellammare’

    Nel corso della prima, riguardante più lotti, tenutasi il 25 novembre presso uno studio notarile sito in piazzetta di Porto a Napoli, gli estorsori hanno intimidito i partecipanti affinché desistessero o in alternativa versassero un prezzo per l’acquisto.
    Un primo aggiudicatario, che insieme al delegato d’asta non aveva ceduto alle prime pressioni, è stato ulteriormente intimidito nei giorni seguenti, con minacce varie e con l’esplosione di 5 colpi d’arma da fuoco all’indirizzo del portone di ingresso della sua abitazione.

    PUBBLICITA

    Un secondo concorrente, invece, ha ceduto alle minacce versando agli indagati una somma di 20.000 euro come onere per l’aggiudicazione dell’immobile.
    In relazione alla seconda asta, verificatasi il 2 dicembre presso uno studio professionale di Aversa, i malviventi si sono adoperati perché la procedura andasse deserta, allo scopo di far abbassare la base d’offerta.

    LEGGI ANCHE  Vaccini, lite De Luca-Arcuri sulla distribuzione della dosi in Campania

    La terza intimidazione, infine, è stata realizzata il 3 dicembre nei confronti dell’acquirente di un immobile oggetto di esecuzione presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere.
    Custodia cautelare in carcere
    1) LUCCI Antonio, nato a Napoli il 24.04.1965;
    2) LUCCI Ferdinando, nato a Napoli il 13.02.1990;

    PUBBLICITA

    3) D’AURIA Pasquale, nato a Arzano l’1.10.1962;
    4) GAZZERRO Massimo, nato ad Afragola il 12.11.1970;
    5) FATALE Rocco, nato a Cardito il 5.3.1967;
    6) LUCCI Ciro, nato a Napoli il 8.7.1996;
    nonchĂŠ gli arresti domiciliari per:
    7) RODONDINI Vincenzo nato ad Afragola il 6.3.1968; LEGGI TUTTO

  • in

    Camorra, 7 arresti ad Afragola per estorsione

    🔊 Ascolta la notizia

    Blitz anticamorra ad Afragola da parte della squadra mobile: 7 persone sono finite in manette.
    Dalle prime ore di questa mattina, in provincia di Napoli, la Squadra Mobile ed il Commissariato di P.S. Afragola stanno eseguendo un’ordinanza emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 7 persone, ritenute gravemente indiziate, a vario titolo, di turbata libertà degli incanti, estorsione, detenzione e porto di armi da fuoco clandestine aggravati dal metodo mafioso. LEGGI TUTTO

  • in

    Il rione Salicelle di Afragola centro di smistamento delle ‘bionde’. I NOMI DEGLI ARRESTATI

    Afragola: 13 arresti dei Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli per contrabbando di sigarette nel rione Salicelle.

    PUBBLICITA

    Dalle prime ore del mattino i carabinieri del Comando Provinciale di Napoli stanno eseguendo un’ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 13 soggetti (8 misure di custodia cautelare in carcere e 5 di sottoposizione agli arresti domiciliari), tutti censurati, gravemente indiziati di “associazione per delinquere finalizzata al contrabbando di tabacchi lavorati esteri”.Le indagini, svolte dai militari della Stazione Carabinieri di Afragola, coordinate dalla DDA partenopea, nel periodo compreso tra luglio 2018 e aprile 2019, hanno consentito di ricostruire le dinamiche organizzative del gruppo criminale dedito al traffico di T.L.E., il cui approvvigionamento proveniva sia dal mercato illegale del capoluogo napoletano sia dai territori limitrofi al comune di Afragola (Cardito e Crispano), con successiva distribuzione a cura di una rete di corrieri attiva sul territorio. Sono stati altresì localizzati i punti di rivendita del T.L.E. sul territorio afragolese, individuabili nelle aree limitrofe al cimitero comunale di Afragola, nel centro storico, nonché nel Rione Salicelle.

    LEGGI ANCHE  M5S, Muscarà: “Stadio Collana, indagine del commissario ad acta al palo dopo sei mesi”

    [embedded content]
    Sono contestualmente in corso di esecuzione numerose perquisizioni nei confronti di altri indagati a vario titolo coinvolti nel traffico illecito. Nel corso delle investigazioni, a riscontro dell’attività di indagine, sono stati operati sequestri per detenzione di tabacco lavorato estero per un peso complessivo di circa 200 chili.

    PUBBLICITA

    Dalle indagini sono emersi legami con soggetti del gruppo criminale Barbato-Bizzarro, operante nel Rione delle Salicelle di Afragola, dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti e al contrabbando di T.L.E.
    Sono stati raggiunti da custodia cautelare in carcere:
    – CARNICELLI Anna, Napoli in data 14.12.1970
    – CARNICELLI Silvana, Napoli in data 28.02.2002,
    – CARNICELLI Salvatore nato a Napoli in data 07.11.1959

    LEGGI ANCHE  ‘Rabbit Hole’, secondo brano che anticipa l’album di ShE!NoThinG

    – DE STEFANO Lucia, Napoli il 20.02.1987
    – FINIZIO Anna, Napoli, 22.04.1975
    – GIAME’ Salvatore, Napoli il 25.09.1987
    – NICOLETTI Gennaro, Napoli il 22.07.1968
    – SIBILIO Laura, Afragola il 09/03/1965
    Sono stati sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari
    – CAIAZZO Vincenzo Afragola in data 15.11.1972

    PUBBLICITA

    – DEVIATO Marco, Napoli il 22.07.1992
    – GIORDANO Alessandro, Napoli il 23.01.1985
    – NIOLA Gabriella, Afragola  il 03/09/1968
    – SEPE Santa, Acerra il 29/01/1987 LEGGI TUTTO

  • in

    Scacco ai signori del contrabbando di sigarette: 13 arresti ad Afragola

    Operazione anticontrabbando nel quartiere Salicelle di Afragola: 13 arresti.

    PUBBLICITA

    Dalle prime luci del giorno i Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare – emessa dal GIP del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia – nei confronti di un gruppo criminale dedito al contrabbando di tabacchi lavorati esteri: 13 le persone arrestate.
    [embedded content]
    Le indagini hanno permesso di ricostruire le dinamiche all’interno del gruppo per l’approvvigionamento delle sigarette e di individuare i soggetti che sono tutti gravemente indiziati di “associazione per delinquere finalizzata al contrabbando di tabacchi lavorati esteri”.  L’operazione dei carabinieri è stata effettuata nel quartiere Salicelle. LEGGI TUTTO

  • in

    Afragola, riconosciuto grazie ad un tatuaggio: arrestato rapinatore 21enne

    PubblicitĂ ’

    Ad Afragola, nella mattinata dell’8 gennaio, è crollato un vecchio edificio abbandonato davanti a decine di persone in Piazza del Rosario. Fortunatamente non ci sono state vittime o feriti.
    “Poteva essere una tragedia. Se in quell’edificio si fosse rifugiato un senzatetto o comunque una persona in difficoltà ci ritroveremmo a piangere delle vittime. Questo episodio deve servire da monito affinché si porti avanti un monitoraggio di tutti gli edifici abbandonati pubblici e privati delle città del nostro territorio regionale, troppe sono le strutture non controllate, non abbattute o non restaurate che rappresentano motivo di degrado o di pericolo. Non può essere più consentito che edifici pubblici o privati vengano abbandonati al degrado totale, deve diventare non conveniente l’abbandono di tali strutture.”- ha dichiarato Francesco Emilio Borrelli, Consigliere Regionale di Europa Verde.
    Leggi anche: https://www.cronachedellacampania.it/2021/01/anche-lorella-cuccarini-positiva-al-covid/
    “Questo edificio era la rappresentazione del degrado e dell’abbandono del centro antico di Afragola. Crediamo quindi che sia opportuno e doveroso far partire dei progetti di riqualifica, di messa in sicurezza e di restauro del centro antico e degli edifici anche attraverso l’utilizzo di fondi europei e di bonus.
    Salvatore Iavarone

    Proponiamo che venga istituito un ufficio tecnico ad hoc al Comune proprio la realizzazione di questi progetti” – ha proseguito Salvatore Iavarone, coordinatore di Europa Verde per l’area a nord di Napoli. LEGGI TUTTO