More stories

  • in

    Avellino, ricatti osè anche a un prete: condannati due giovani

    Processo Isochimica: morto 32esimo operaio, si era costituito parte civile
    Ancora pochi giorni e avrebbe potuto assistere alla requisitoria del pm nel processo in cui era costituito parte civile, e forse anche alla sentenza. Roberto Della Ragione, 61 anni ex operaio dell’Isochimica, e’ morto dopo una lunga battaglia contro l’asbestosi, contratta nel periodo in cui ha lavorato nella fabbrica che scoibentava le carrozze ferroviarie.
    L’ex operaio, passato poi a lavorare come amministrativo nell’ospedale Landolfi di Solofra, si era costituito parte civile, assieme ad altre 237 persone, tra le quali i familiari degli altri 31 operai morti per patologie legate all’esposizione all’amianto. Il 22 gennaio prossimo nell’aula bunker di Poggioreale a Napoli, presa in prestito dal tribunale di Avellino per avere una capienza adeguata, le battute finali del processo che si trascina da anni e che vede imputati ex alti dirigenti di Ferrovie dello Stato, ex amministratori comunali e responsabili dell’azienda, accusati a vario titolo di omicidio colposo plurimo, disastro ambientale e violazioni delle norme ambientali.

    LEGGI ANCHE  Napoli, prima aggressione dell’anno a un’ambulanza a San Giovanni a Teduccio

    Nei 13 anni di fase preliminare e di processo di primo grado e’ venuto a mancare anche il principale imputato, l’imprenditore Elio Graziano proprietario dell’azienda. La cartella clinica di Della Ragione sara’ acquisita agli atti del processo. LEGGI TUTTO

  • in

    Usura ai danni di imprenditori della provincia di Benevento: 5 arresti

    Usura ai danni di imprenditori della provincia di Benevento: 5 arresti.La Squadra Mobile di Benevento, insieme al Reparto Volo di Napoli, unita’ cinofile e Nucleo Pef della Guardia di finanza di Benevento, ha eseguito una misura cautelare in carcere emessa dal gip di Benevento nei confronti di cinque indagati per usura, estorsione e violenza privata ai danni di imprenditori beneventani. Dalle indagini è emerso che il gruppo finanziava imprenditori in difficoltà causa covid chiedendo tassi usurai elevatissimi e poi li minacciava in caso di mancato pagamento. I particolari dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terra’ alle 11 in Questura a Benevento.Leggi altre notizie LEGGI TUTTO

  • in

    Processo Isochimica: morto 32esimo operaio, si era costituito parte civile

    .scriptlesssocialsharing__buttons
    a.button{padding:12px;flex:1}@media only screen and (max-width: 767px){.scriptlesssocialsharing .sss-name{position:absolute;clip:rect(1px, 1px, 1px, 1px);height:1px;width:1px;border:0;overflow:hidden}}Processo Isochimica: morto 32esimo operaio, si era costituito parte civileAncora pochi giorni e avrebbe potuto assistere alla requisitoria del pm nel processo in cui era costituito parte civile, e forse anche alla sentenza. Roberto Della Ragione, 61 anni ex operaio dell’Isochimica, e’ morto dopo una lunga battaglia contro l’asbestosi, contratta nel periodo in cui ha lavorato nella fabbrica che scoibentava le carrozze ferroviarie.L’ex operaio, passato poi a lavorare come amministrativo nell’ospedale Landolfi di Solofra, si era costituito parte civile, assieme ad altre 237 persone, tra le quali i familiari degli altri 31 operai morti per patologie legate all’esposizione all’amianto. Il 22 gennaio prossimo nell’aula bunker di Poggioreale a Napoli, presa in prestito dal tribunale di Avellino per avere una capienza adeguata, le battute finali del processo che si trascina da anni e che vede imputati ex alti dirigenti di Ferrovie dello Stato, ex amministratori comunali e responsabili dell’azienda, accusati a vario titolo di omicidio colposo plurimo, disastro ambientale e violazioni delle norme ambientali..ubb8993b7272c30649d42d393361edf6e{padding:0px;margin:0;padding-top:1em!important;padding-bottom:1em!important;width:100%;display:block;font-weight:bold;background-color:#eaeaea;border:0!important;border-left:4px solid #34495E!important;box-shadow:0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17);-moz-box-shadow:0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17);-o-box-shadow:0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17);-webkit-box-shadow:0 1px 2px rgba(0, 0, 0, 0.17);text-decoration:none}.ubb8993b7272c30649d42d393361edf6e:active,.ubb8993b7272c30649d42d393361edf6e:hover{opacity:1;transition:opacity 250ms;webkit-transition:opacity 250ms;text-decoration:none}.ubb8993b7272c30649d42d393361edf6e{transition:background-color 250ms;webkit-transition:background-color 250ms;opacity:1;transition:opacity 250ms;webkit-transition:opacity 250ms}.ubb8993b7272c30649d42d393361edf6e
    .ctaText{font-weight:bold;color:inherit;text-decoration:none;font-size:16px}.ubb8993b7272c30649d42d393361edf6e
    .postTitle{color:#000;text-decoration:underline!important;font-size:16px}.ubb8993b7272c30649d42d393361edf6e:hover
    .postTitle{text-decoration:underline!important}LEGGI ANCHE  Coronavirus: screening di massa in 5 comuni ex zona rossa salernitanoNei 13 anni di fase preliminare e di processo di primo grado e’ venuto a mancare anche il principale imputato, l’imprenditore Elio Graziano proprietario dell’azienda. La cartella clinica di Della Ragione sara’ acquisita agli atti del processo..alm-btn-wrap{display:block;text-align:center;padding:10px
    0;margin:0
    0 15px;position:relative}.alm-btn-wrap:after{display:table;clear:both;height:0;width:100%;content:”}.alm-btn-wrap .alm-load-more-btn{font-size:15px;font-weight:500;width:auto;height:43px;line-height:1;background:#ed7070;-webkit-box-shadow:0 1px 1px rgba(0,0,0,.04);box-shadow:0 1px 1px rgba(0,0,0,.04);color:#fff;border:none;border-radius:4px;margin:0;padding:0
    20px;display:inline-block;position:relative;-webkit-transition:all .3s ease;transition:all .3s ease;text-align:center;text-decoration:none;-webkit-appearance:none;-moz-appearance:none;appearance:none;-webkit-user-select:none;-moz-user-select:none;-ms-user-select:none;user-select:none;cursor:pointer}.alm-btn-wrap .alm-load-more-btn.loading,.alm-btn-wrap .alm-load-more-btn:hover{background-color:#e06161;-webkit-box-shadow:0 1px 3px rgba(0,0,0,.09);box-shadow:0 1px 3px rgba(0,0,0,.09);color:#fff;text-decoration:none}.alm-btn-wrap .alm-load-more-btn:active{-webkit-box-shadow:none;box-shadow:none;text-decoration:none}.alm-btn-wrap .alm-load-more-btn.loading{cursor:default;outline:0;padding-left:44px}.alm-btn-wrap .alm-load-more-btn.done{cursor:default;opacity:.15;background-color:#ed7070;outline:0!important;-webkit-box-shadow:none!important;box-shadow:none!important}.alm-btn-wrap .alm-load-more-btn.done:before,.alm-btn-wrap .alm-load-more-btn:before{background:0 0;width:0}.alm-btn-wrap .alm-load-more-btn.loading:before{background:#fff url(https://www.cronachedellacampania.it/wp-content/plugins/ajax-load-more/core/img/ajax-loader.gif) no-repeat center center;width:30px;height:31px;margin:6px;border-radius:3px;display:inline-block;z-index:0;content:”;position:absolute;left:0;top:0;overflow:hidden;-webkit-transition:width .5s ease-in-out;transition:width .5s ease-in-out}.alm-btn-wrap .alm-elementor-link{display:block;font-size:13px;margin:0
    0 15px}@media screen and (min-width:768px){.alm-btn-wrap .alm-elementor-link{position:absolute;left:0;top:50%;-webkit-transform:translateY(-50%);-ms-transform:translateY(-50%);transform:translateY(-50%);margin:0}}.ajax-load-more-wrap.white .alm-load-more-btn{background-color:#fff;color:#787878;border:1px
    solid #e0e0e0;overflow:hidden;-webkit-transition:none;transition:none;outline:0}.ajax-load-more-wrap.white .alm-load-more-btn.loading,.ajax-load-more-wrap.white .alm-load-more-btn:focus,.ajax-load-more-wrap.white .alm-load-more-btn:hover{background-color:#fff;color:#333;border-color:#aaa}.ajax-load-more-wrap.white .alm-load-more-btn.done{background-color:#fff;color:#444;border-color:#ccc}.ajax-load-more-wrap.white .alm-load-more-btn.loading{color:rgba(255,255,255,0)!important;outline:0!important;background-color:transparent;border-color:transparent!important;-webkit-box-shadow:none!important;box-shadow:none!important;padding-left:20px}.ajax-load-more-wrap.white .alm-load-more-btn.loading:before{margin:0;left:0;top:0;width:100%;height:100%;background-color:transparent;background-image:url(https://www.cronachedellacampania.it/wp-content/plugins/ajax-load-more/core/img/ajax-loader-lg.gif);background-size:25px 25px;background-position:center center}.ajax-load-more-wrap.light-grey .alm-load-more-btn{background-color:#efefef;color:#787878;border:1px
    solid #e0e0e0;overflow:hidden;-webkit-transition:all 75ms ease;transition:all 75ms ease;outline:0}.ajax-load-more-wrap.light-grey .alm-load-more-btn.done,.ajax-load-more-wrap.light-grey .alm-load-more-btn.loading,.ajax-load-more-wrap.light-grey .alm-load-more-btn:focus,.ajax-load-more-wrap.light-grey .alm-load-more-btn:hover{background-color:#f1f1f1;color:#222;border-color:#aaa}.ajax-load-more-wrap.light-grey .alm-load-more-btn.loading{color:rgba(255,255,255,0)!important;outline:0!important;background-color:transparent;border-color:transparent!important;-webkit-box-shadow:none!important;box-shadow:none!important;padding-left:20px}.ajax-load-more-wrap.light-grey .alm-load-more-btn.loading:before{margin:0;left:0;top:0;width:100%;height:100%;background-color:transparent;background-image:url(https://www.cronachedellacampania.it/wp-content/plugins/ajax-load-more/core/img/ajax-loader-lg.gif);background-size:25px 25px;background-position:center center}.ajax-load-more-wrap.blue .alm-load-more-btn{background-color:#1b91ca}.ajax-load-more-wrap.blue .alm-load-more-btn.done,.ajax-load-more-wrap.blue .alm-load-more-btn.loading,.ajax-load-more-wrap.blue .alm-load-more-btn:hover{background-color:#1b84b7}.ajax-load-more-wrap.green .alm-load-more-btn{background-color:#80ca7a}.ajax-load-more-wrap.green .alm-load-more-btn.done,.ajax-load-more-wrap.green .alm-load-more-btn.loading,.ajax-load-more-wrap.green .alm-load-more-btn:hover{background-color:#81c17b}.ajax-load-more-wrap.purple .alm-load-more-btn{background-color:#b97eca}.ajax-load-more-wrap.purple .alm-load-more-btn.done,.ajax-load-more-wrap.purple .alm-load-more-btn.loading,.ajax-load-more-wrap.purple .alm-load-more-btn:hover{background-color:#a477b1}.ajax-load-more-wrap.grey .alm-load-more-btn{background-color:#a09e9e}.ajax-load-more-wrap.grey .alm-load-more-btn.done,.ajax-load-more-wrap.grey .alm-load-more-btn.loading,.ajax-load-more-wrap.grey .alm-load-more-btn:hover{background-color:#888}.ajax-load-more-wrap.infinite .alm-load-more-btn{width:100%;background-color:transparent!important;background-position:center center;background-repeat:no-repeat;background-image:url(https://www.cronachedellacampania.it/wp-content/plugins/ajax-load-more/core/img/spinner.gif);border:none!important;opacity:0;-webkit-transition:opacity .2s ease;transition:opacity .2s ease;-webkit-box-shadow:none!important;box-shadow:none!important;overflow:hidden;text-indent:-9999px;cursor:default!important;outline:0!important}.ajax-load-more-wrap.infinite .alm-load-more-btn:before{display:none!important}.ajax-load-more-wrap.infinite .alm-load-more-btn:active,.ajax-load-more-wrap.infinite .alm-load-more-btn:focus{outline:0}.ajax-load-more-wrap.infinite .alm-load-more-btn.done{opacity:0}.ajax-load-more-wrap.infinite .alm-load-more-btn.loading{opacity:1}.ajax-load-more-wrap.infinite.skype .alm-load-more-btn{background-image:url(https://www.cronachedellacampania.it/wp-content/plugins/ajax-load-more/core/img/spinner-skype.gif)}.ajax-load-more-wrap.infinite.ring .alm-load-more-btn{background-image:url(https://www.cronachedellacampania.it/wp-content/plugins/ajax-load-more/core/img/spinner-ring.gif)}.ajax-load-more-wrap.infinite.fading-blocks .alm-load-more-btn{background-image:url(https://www.cronachedellacampania.it/wp-content/plugins/ajax-load-more/core/img/loader-fading-blocks.gif)}.ajax-load-more-wrap.infinite.fading-circles .alm-load-more-btn{background-image:url(https://www.cronachedellacampania.it/wp-content/plugins/ajax-load-more/core/img/loader-fading-circles.gif)}.ajax-load-more-wrap.infinite.chasing-arrows .alm-load-more-btn{background-image:url(https://www.cronachedellacampania.it/wp-content/plugins/ajax-load-more/core/img/spinner-chasing-arrows.gif)}.ajax-load-more-wrap.alm-horizontal .alm-btn-wrap{display:-webkit-box;display:-ms-flexbox;display:flex;-webkit-box-align:center;-ms-flex-align:center;align-items:center;padding:0;margin:0}.ajax-load-more-wrap.alm-horizontal .alm-btn-wrap
    button{margin:0}.ajax-load-more-wrap.alm-horizontal .alm-btn-wrap
    button.done{display:none}.alm-listing .alm-reveal{outline:0}.alm-listing .alm-reveal:after{display:table;clear:both;height:0;width:100%;content:”}.alm-listing{margin:0;padding:0}.alm-listing .alm-paging-content >li,.alm-listing .alm-reveal >li,.alm-listing >li{position:relative}.alm-listing .alm-paging-content >li.alm-item,.alm-listing .alm-reveal >li.alm-item,.alm-listing >li.alm-item{background:0 0;margin:0
    0 30px;padding:0
    0 0 80px;position:relative;list-style:none}@media screen and (min-width:480px){.alm-listing .alm-paging-content >li.alm-item,.alm-listing .alm-reveal >li.alm-item,.alm-listing >li.alm-item{padding:0
    0 0 100px}}@media screen and (min-width:768px){.alm-listing .alm-paging-content >li.alm-item,.alm-listing .alm-reveal >li.alm-item,.alm-listing >li.alm-item{padding:0
    0 0 135px}}@media screen and (min-width:1024px){.alm-listing .alm-paging-content >li.alm-item,.alm-listing .alm-reveal >li.alm-item,.alm-listing >li.alm-item{padding:0
    0 0 160px}}.alm-listing .alm-paging-content >li.alm-item h3,.alm-listing .alm-reveal >li.alm-item h3,.alm-listing >li.alm-item
    h3{margin:0}.alm-listing .alm-paging-content >li.alm-item p,.alm-listing .alm-reveal >li.alm-item p,.alm-listing >li.alm-item
    p{margin:10px
    0 0}.alm-listing .alm-paging-content >li.alm-item p.entry-meta,.alm-listing .alm-reveal >li.alm-item p.entry-meta,.alm-listing >li.alm-item p.entry-meta{opacity:.75}.alm-listing .alm-paging-content >li.alm-item img,.alm-listing .alm-reveal >li.alm-item img,.alm-listing >li.alm-item
    img{position:absolute;left:0;top:0;border-radius:2px;max-width:65px}@media screen and (min-width:480px){.alm-listing .alm-paging-content >li.alm-item img,.alm-listing .alm-reveal >li.alm-item img,.alm-listing >li.alm-item
    img{max-width:85px}}@media screen and (min-width:768px){.alm-listing .alm-paging-content >li.alm-item img,.alm-listing .alm-reveal >li.alm-item img,.alm-listing >li.alm-item
    img{max-width:115px}}@media screen and (min-width:1024px){.alm-listing .alm-paging-content >li.alm-item img,.alm-listing .alm-reveal >li.alm-item img,.alm-listing >li.alm-item
    img{max-width:140px}}.alm-listing .alm-paging-content >li.no-img,.alm-listing .alm-reveal >li.no-img,.alm-listing >li.no-img{padding:0}.alm-listing.products
    li.product{padding-left:inherit}.alm-listing.products li.product
    img{position:static;border-radius:inherit}.alm-listing.stylefree .alm-paging-content >li,.alm-listing.stylefree .alm-reveal >li,.alm-listing.stylefree >li{padding:inherit;margin:inherit}.alm-listing.stylefree .alm-paging-content >li img,.alm-listing.stylefree .alm-reveal >li img,.alm-listing.stylefree >li
    img{padding:inherit;margin:inherit;position:static;border-radius:inherit}.alm-listing.rtl .alm-paging-content >li,.alm-listing.rtl .alm-reveal >li{padding:0
    170px 0 0;text-align:right}.alm-listing.rtl .alm-paging-content >li img,.alm-listing.rtl .alm-reveal >li
    img{left:auto;right:0}.alm-listing.rtl.products
    li.product{padding-right:inherit}.alm-masonry{display:block;overflow:hidden;clear:both}.alm-placeholder{opacity:0;-webkit-transition:opacity .2s ease;transition:opacity .2s ease;display:none}.ajax-load-more-wrap.alm-horizontal{display:-webkit-box;display:-ms-flexbox;display:flex;-ms-flex-wrap:nowrap;flex-wrap:nowrap;width:100%}.ajax-load-more-wrap.alm-horizontal .alm-listing,.ajax-load-more-wrap.alm-horizontal .alm-listing .alm-reveal{display:-webkit-box;display:-ms-flexbox;display:flex;-ms-flex-wrap:nowrap;flex-wrap:nowrap;-webkit-box-orient:horizontal;-webkit-box-direction:normal;-ms-flex-direction:row;flex-direction:row}.ajax-load-more-wrap.alm-horizontal .alm-listing .alm-reveal >li.alm-item,.ajax-load-more-wrap.alm-horizontal .alm-listing >li.alm-item{padding:0;text-align:center;margin:0
    2px;padding:20px
    20px 30px;height:auto;background-color:#fff;border:1px
    solid #efefef;border-radius:4px;width:300px}.ajax-load-more-wrap.alm-horizontal .alm-listing .alm-reveal >li.alm-item img,.ajax-load-more-wrap.alm-horizontal .alm-listing >li.alm-item
    img{position:static;border-radius:100%;max-width:125px;margin:0
    auto 15px;border-radius:4px;-webkit-box-shadow:0 2px 10px rgba(0,0,0,.075);box-shadow:0 2px 10px rgba(0,0,0,.075)}.ajax-load-more-wrap.alm-horizontal .alm-listing .alm-reveal:after{display:none}.alm-toc{display:-webkit-box;display:-ms-flexbox;display:flex;width:auto;padding:10px
    0}.alm-toc
    button{background:#f7f7f7;border-radius:4px;-webkit-transition:all .15s ease;transition:all .15s ease;outline:0;border:1px
    solid #efefef;-webkit-box-shadow:none;box-shadow:none;color:#454545;cursor:pointer;font-size:14px;font-weight:500;padding:7px
    10px;line-height:1;margin:0
    5px 0 0;height:auto}.alm-toc button:focus,.alm-toc button:hover{border-color:#ccc;color:#222}.alm-toc button:hover{text-decoration:underline}.alm-toc button:focus{-webkit-box-shadow:0 0 0 3px rgba(0,0,0,.05);box-shadow:0 0 0 3px rgba(0,0,0,.05)}Leggi altre notizie LEGGI TUTTO

  • in

    Clinica Pineta Grande, 11 posizioni archiviate. Diana: ‘Non smetterò mai di difendere la mia Città’

    Cinque componenti del direttivo PD Caserta scrivono alla Segreteria provinciale: “Il segretario cittadino del Pd usa gli organismi statutari del partito come uno strumento di ratifica a decisione già prese e comprimendo il doveroso e legittimo dibattito democratico.”
    Coordinamento cittadino del Pd,Alla Segreteria provinciale del PdAi rappresentanti del centrosinistra.
    Questa sera si è tenuto il coordinamento del circolo pd di Caserta, da remoto, per discutere la posizione del partito in rapporto alle prossime elezioni amministrative.
    Ancora una volta rileviamo che il segretario cittadino del PD ha usato gli organismi statutari del partito, in questo caso il coordinamento cittadino, soltanto come uno strumento di ratifica a decisioni già prese e comprimendo ildoveroso e legittimo dibattito democratico.

    Solo così si può spiegare – e lo ripetiamo, siamo all’ennesima dimostrazione di questa pratica antidemocratica – la convocazione di un tavolo delle forze del centrosinistra in vista delle prossime elezioni amministrative, annunciata alla stampa, e della riunione del coordinamento cittadino con appena ventiquattr’ore d’anticipo rispetto ad essa.Insomma si dà tutto per già deciso, e il coordinamento cittadino è utile soltanto per ratificare posizioni già prese evidentemente altrove, con le rappresentanze istituzionali del Partito.
    Insomma si ribaltano le regole del processo che dovrebbe presiedere ad una decisione democratica: ossia la convocazione del coordinamento cittadino in cui aprire una profonda e allargata discussione sull’esperienza amministrativa in corso che ha presentato e presenta luci, ma anche vastissimi limiti.
    Leggi anche: https://www.cronachedellacampania.it/2021/01/ce-anche-un-casertano-nel-team-che-ha-realizzato-la-nuova-stazione-della-metro-di-new-york/
    È davvero incomprensibile che, di fronte a questi limiti più che evidenti ( non a caso la città e la provincia di Caserta sono all’ultimo posto per gli indici di qualità della vita) non si senta il bisogno di avviare, prioritariamente, un confronto interno, il più possibile, approfondito per raccogliere indicazioni e proposte di lavoro e, poi, aprire il necessario rapporto con le altre forze politiche del centrosinistra.
    Non è la prima volta che ciò accade e non vogliamo, in questa sede, ripercorrere tutti gli episodi che, negli ultimi anni, hanno caratterizzato una gestione del partito totalmente schiacciata sull’amministrazione comunale: vogliamoesprimere ancora una volta il nostro dissenso su questi metodi di conduzione del partito che, invece, più che mai ha bisogno di raccogliere e valorizzare tutte le sue energie in una fase così difficile e inedita ( vedi effetti del Covid)della vita della nostra città e del nostro Paese.
    Infine, proprio perché siamo molto interessati alle sorti del nostro partito, nonché della nostra città, porteremo questo dissenso in tutte le sedi opportune al fine di invertire questa tendenza e avviare una prospettiva del necessario cambiamento.
    I componenti del direttivo in rappresentanza di tanti amici e compagni del PD.Battarra Vincenzo ClaudioAbbate GiovannaCanzano MariaCerrito AngelaCanzano Pietro LEGGI TUTTO

  • in

    Inchiesta sulla morte di Tiziana Cantone, recuperati i dati persi dal suo telefonino

    Cinque componenti del direttivo PD Caserta scrivono alla Segreteria provinciale: “Il segretario cittadino del Pd usa gli organismi statutari del partito come uno strumento di ratifica a decisione già prese e comprimendo il doveroso e legittimo dibattito democratico.”
    Coordinamento cittadino del Pd,Alla Segreteria provinciale del PdAi rappresentanti del centrosinistra.
    Questa sera si è tenuto il coordinamento del circolo pd di Caserta, da remoto, per discutere la posizione del partito in rapporto alle prossime elezioni amministrative.
    Ancora una volta rileviamo che il segretario cittadino del PD ha usato gli organismi statutari del partito, in questo caso il coordinamento cittadino, soltanto come uno strumento di ratifica a decisioni già prese e comprimendo ildoveroso e legittimo dibattito democratico.

    Solo così si può spiegare – e lo ripetiamo, siamo all’ennesima dimostrazione di questa pratica antidemocratica – la convocazione di un tavolo delle forze del centrosinistra in vista delle prossime elezioni amministrative, annunciata alla stampa, e della riunione del coordinamento cittadino con appena ventiquattr’ore d’anticipo rispetto ad essa.Insomma si dà tutto per già deciso, e il coordinamento cittadino è utile soltanto per ratificare posizioni già prese evidentemente altrove, con le rappresentanze istituzionali del Partito.
    Insomma si ribaltano le regole del processo che dovrebbe presiedere ad una decisione democratica: ossia la convocazione del coordinamento cittadino in cui aprire una profonda e allargata discussione sull’esperienza amministrativa in corso che ha presentato e presenta luci, ma anche vastissimi limiti.
    Leggi anche: https://www.cronachedellacampania.it/2021/01/ce-anche-un-casertano-nel-team-che-ha-realizzato-la-nuova-stazione-della-metro-di-new-york/
    È davvero incomprensibile che, di fronte a questi limiti più che evidenti ( non a caso la città e la provincia di Caserta sono all’ultimo posto per gli indici di qualità della vita) non si senta il bisogno di avviare, prioritariamente, un confronto interno, il più possibile, approfondito per raccogliere indicazioni e proposte di lavoro e, poi, aprire il necessario rapporto con le altre forze politiche del centrosinistra.
    Non è la prima volta che ciò accade e non vogliamo, in questa sede, ripercorrere tutti gli episodi che, negli ultimi anni, hanno caratterizzato una gestione del partito totalmente schiacciata sull’amministrazione comunale: vogliamoesprimere ancora una volta il nostro dissenso su questi metodi di conduzione del partito che, invece, più che mai ha bisogno di raccogliere e valorizzare tutte le sue energie in una fase così difficile e inedita ( vedi effetti del Covid)della vita della nostra città e del nostro Paese.
    Infine, proprio perché siamo molto interessati alle sorti del nostro partito, nonché della nostra città, porteremo questo dissenso in tutte le sedi opportune al fine di invertire questa tendenza e avviare una prospettiva del necessario cambiamento.
    I componenti del direttivo in rappresentanza di tanti amici e compagni del PD.Battarra Vincenzo ClaudioAbbate GiovannaCanzano MariaCerrito AngelaCanzano Pietro LEGGI TUTTO

  • in

    Arresti domiciliari, ma in Abruzzo per il padre del dj Joseph Capriati

    Cinque componenti del direttivo PD Caserta scrivono alla Segreteria provinciale: “Il segretario cittadino del Pd usa gli organismi statutari del partito come uno strumento di ratifica a decisione già prese e comprimendo il doveroso e legittimo dibattito democratico.”
    Coordinamento cittadino del Pd,Alla Segreteria provinciale del PdAi rappresentanti del centrosinistra.
    Questa sera si è tenuto il coordinamento del circolo pd di Caserta, da remoto, per discutere la posizione del partito in rapporto alle prossime elezioni amministrative.
    Ancora una volta rileviamo che il segretario cittadino del PD ha usato gli organismi statutari del partito, in questo caso il coordinamento cittadino, soltanto come uno strumento di ratifica a decisioni già prese e comprimendo ildoveroso e legittimo dibattito democratico.

    Solo così si può spiegare – e lo ripetiamo, siamo all’ennesima dimostrazione di questa pratica antidemocratica – la convocazione di un tavolo delle forze del centrosinistra in vista delle prossime elezioni amministrative, annunciata alla stampa, e della riunione del coordinamento cittadino con appena ventiquattr’ore d’anticipo rispetto ad essa.Insomma si dà tutto per già deciso, e il coordinamento cittadino è utile soltanto per ratificare posizioni già prese evidentemente altrove, con le rappresentanze istituzionali del Partito.
    Insomma si ribaltano le regole del processo che dovrebbe presiedere ad una decisione democratica: ossia la convocazione del coordinamento cittadino in cui aprire una profonda e allargata discussione sull’esperienza amministrativa in corso che ha presentato e presenta luci, ma anche vastissimi limiti.
    Leggi anche: https://www.cronachedellacampania.it/2021/01/ce-anche-un-casertano-nel-team-che-ha-realizzato-la-nuova-stazione-della-metro-di-new-york/
    È davvero incomprensibile che, di fronte a questi limiti più che evidenti ( non a caso la città e la provincia di Caserta sono all’ultimo posto per gli indici di qualità della vita) non si senta il bisogno di avviare, prioritariamente, un confronto interno, il più possibile, approfondito per raccogliere indicazioni e proposte di lavoro e, poi, aprire il necessario rapporto con le altre forze politiche del centrosinistra.
    Non è la prima volta che ciò accade e non vogliamo, in questa sede, ripercorrere tutti gli episodi che, negli ultimi anni, hanno caratterizzato una gestione del partito totalmente schiacciata sull’amministrazione comunale: vogliamoesprimere ancora una volta il nostro dissenso su questi metodi di conduzione del partito che, invece, più che mai ha bisogno di raccogliere e valorizzare tutte le sue energie in una fase così difficile e inedita ( vedi effetti del Covid)della vita della nostra città e del nostro Paese.
    Infine, proprio perché siamo molto interessati alle sorti del nostro partito, nonché della nostra città, porteremo questo dissenso in tutte le sedi opportune al fine di invertire questa tendenza e avviare una prospettiva del necessario cambiamento.
    I componenti del direttivo in rappresentanza di tanti amici e compagni del PD.Battarra Vincenzo ClaudioAbbate GiovannaCanzano MariaCerrito AngelaCanzano Pietro LEGGI TUTTO

  • in

    Camorra, killer dei Casalesi irreperibile dopo la condanna definitiva

    PUBBLICITA

    Camorra, killer dei Casalesi irreperibile dopo la condanna definitiva.
    Dopo la condanna passata in giudicato a 30 anni di reclusione, per l’omicidio dell’imprenditore Domenico Noviello, ucciso il 16 maggio del 2008 a Castel Volturno  da un commando di killer guidati dal capo dell’ala stragista dei Casalesi, Giuseppe Setola, Francesco Cirillo, detto coscialiscia uno dei sicari, e’ irreperibile. Lo rende noto ‘Il Mattino’. Dallo scorso 20 novembre, il giorno dopo il pronunciamento della Corte di Cassazione, e’ attivamente ricercato da tutte le forze di polizia.
    “Sono sconvolta e indignata e anche molto preoccupata, visto che io e i miei fratelli ci abbiamo messo la faccia affrontando tutte le udienze, e guardandolo negli occhi” dice Mimma Noviello, figlia della vittima. “E devo dire che ero convinta, – aggiunge – nonostante in aula avesse mostrato un volto quasi dispiaciuto, che non avrebbe aspettato tranquillamente a casa le forze dell’ordine che venivano ad arrestarlo”.
    Secondo quanto emerse dai tre gradi di giudizio, i sicari agirono per punire Noviello, che alcuni anni prima, insieme al figlio Massimiliano (oggi sotto scorta), aveva denunciato e fatto arrestare per estorsione proprio Cirillo con altri esattori del clan; in quella circostanza, era il 2001, Francesco Cirillo fu l’unico condannato tra i camorristi arrestati. “Gia’ allora – ricorda Massimiliano Noviello – si diede alla latitanza dopo la condanna, per cui era prevedibile che lo facesse anche adesso, a maggior ragione dopo una condanna a 30 anni. Sono preoccupato, si tratta sempre di un camorrista che ora e’ anche braccato; non sappiamo quali possano essere le sue reazioni”.
    “La cosa che piu’ mi indigna – aggiunge – e’ che nessuno ci abbia avvisato di questa situazione””. Sette anni dopo la condanna di Cirillo, Setola – era il 2008 – diede il via alla “stagione del terrore” nel Casertano, durante la quale il clan “risolse” alcune questioni sospese e provo’ a riaffermare a suon di proiettili il suo predominio sul territorio, con 18 morti in pochi mesi. Morirono imprenditori coraggiosi come Noviello, Raffaele Granata e Antonio Celiento, parenti di pentiti, e i sei immigrati ghanesi della cosiddetta “strage di San Gennaro” (settembre 2008). Tutti i killer, ad iniziare da Setola, per proseguire con i suoi luogotenenti Giovanni Letizia e Alessandro Cirillo, sono da anni in carcere con ergastoli o comunque pesanti pene detentive per quei delitti, tra cui l’omicidio Noviello. L’ultimo del gruppo di fuoco a mancare all’appello per la morte di Noviello era proprio Francesco Cirillo, cugino di Alessandro, il cui iter processuale e’ stato molto travagliato e costellato di colpi di scena, con ben cinque processi, tra cui due pronunce della Cassazione. In primo grado Cirillo era stato condannato all’ergastolo come gli altri partecipanti al delitto, poi era stato l’unico ad essere assolto in appello, nonostante avesse rappresentato il “pretesto” per uccidere Noviello.
    Lo stesso Setola, durante il processo, aveva affermato di aver ordinato “l’omicidio di Noviello perche’ aveva mandato in carcere Francesco Cirillo”. Dopo l’assoluzione in Appello, la Corte di Cassazione aveva pero’ annullato la sentenza, rinviando ad un’altra sezione della Corte di Appello di Napoli perche’ valutasse meglio le prove a suo carico; i magistrati di secondo grado hanno cosi’ rideterminato la pena e la Cassazione ha apposto a novembre quello che sembrava il “sigillo finale” del processo, che invece ha uno strascico molto preoccupante. Cirillo viveva a Casal di Principe, ma non si e’ fatto trovare a casa quando i carabinieri – delegati dalla magistratura – sono andati a notificargli l’ordine di carcerazione per l’esecuzione della pena. Le ricerche sono in corso, e sta dando supporto anche la Polizia di Stato, attraverso la Squadra Mobile di Caserta, che fece le indagini sull’omicidio Noviello. LEGGI TUTTO

  • in

    Rider aggredito, oggi interrogati i due maggiorenni

    PUBBLICITA

    Rider aggredito, oggi interrogati i due maggiorenni. Le mamme dei due 16enni: ‘Siamo distrutte, chiediamo scusa’.
    Saranno interrogati stamani davanti al gip i due ventenni arrestati l’altra notte per la rapina ai danni del rider aggredito la notte tra il primo e il 2 gennaio in via Calata Capodichino a Napoli. Si tratta di Michele Spinelli e Vincenzo Zimbetti, ritenuti orbitanti nel clan Di Lauro egemone nel quartiere di Secondigliano. Giovedi’ mattina sara’ invece la volta dei quattro minorenni, tutti destinatari di un decreto di fermo. Anche loro accusati di rapina e di ricettazioni di uno dei motorini usati per la rapina, risultato rapinato l’ultima notte dell’anno nell’area nord di Napoli.

    “Sono affranta, chiedo perdono e, nei limiti di quanto mi e’ possibile, vorrei riparare al danno che mio figlio ha commesso”. A parlare  e’ Veronica V., 40 anni, la mamma di C.G. uno dei sei ragazzi che lo scorso venerdi’ hanno aggredito e rapinato del motorino il rider 50enne Giovanni Lanciano in via calata Capodichino a Napoli.  “Neanche i ragazzi si sanno spiegare perche’ hanno fatto tutto questo – aggiunge – mio figlio non ha mai commesso un reato. Forse si e’ fatto prendere dalla logica del branco, forse e’ stato un raptus”. 
    Il ragazzino, 16 anni, cresciuto senza la figura paterna poiche’ il padre, fino a quando lui ha compiuto 11 anni, ha scontato una pena in carcere, ha abbandonato la scuola al terzo anno di superiori ed e’ andato a lavorare in una salumeria del suo quartiere, la stessa nella quale e’ stato trovato dalle forze dell’ordine il giorno seguente.
    “Mio figlio lavora dalla mattina alla sera – continua la donna – si guadagna il pane onestamente e quando mi chiede di uscire con gli amici io non posso impedirglielo. Lui ha capito bene la gravita’ del suo gesto ed e’ disperato”. Intanto il ragazzo, difeso dall’avvocato Luca Mottola, non si da pace: “Sono distrutto – fa sapere attraverso il legale – non avrei dovuto fare quello che ho fatto. Solo dopo, riflettendo, ho capito che il rider era un uomo che lavora onestamente come me per pochi euro al giorno e fa molti sacrifici per andare avanti”. “Mi auguro che con l’aiuto degli assistenti sociali – conclude la madre – potro’ aiutare mio figlio a costruirsi un futuro migliore”.
    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Lacrime e confessioni:’Era il primo colpo’. In stato di fermo i 6 responsabili della rapina al rider
    Sulla vicenda è intervenuto anche l’avvocato Carlo Ercolino, difensore dell’altro 16enne coinvolto nella rapina al rider Gianni Lanciano.“La sua famiglia è distrutta, lui è figlio di gente perbene, non di delinquenti. La madre mi ha detto di voler subito chiedere scusa alla vittima di quelle violenze. È stato un episodio assolutamente deprecabile e intollerabile ma, per le modalità con le quali è stato portato a termine, più che a una rapina somiglia a un atto di bullismo, perpetrato dal branco nei confronti di un uomo che a 50 anni, per dare da mangiare alla sua famiglia, si è piegato a fare un lavoro da ragazzino. A loro occhi deve essere sembrato un fallito e forse proprio per questo, complice il contesto e l’ignoranza, hanno deciso di ‘bullizzarlo’, rubandogli, infine, anche lo scooter. Quei ragazzi li conosce solo di vista ed ha ammesso le sue responsabilità ma ribadisco che si è fatto coinvolgere. Lui, e secondo me anche gli altri, non sono rapinatori. Sono le modalità dell’accaduto a dimostrarlo. E’ giusto che paghi ma spero almeno che gli consenta di continuare a studiare”. Il ragazzo infatti frequenta con voti discreti il terzo anno dell’Istituto professionale Vittorio Veneto di Secondigliano. E’ una giovane promessa del calcio. Sognava di andare via da Napoli e nelle prossime settimane sarebbe dovuto andare a sostenere un provino a Isernia. E ora si trova risucchiato in questa incredibile storia di violenza e microcriminalità. LEGGI TUTTO

  • in

    Morta per Covid al Cardarelli, oggi l’autopsia della salma

    PUBBLICITA

    Morta per Covid al Cardarelli, oggi l’autopsia della salma. La denuncia del figlio: ricoverata senza avere sintomi del virus .
    E’ stata effettuata oggi l’autopsia sulla salma di Maddalena Carneglia, la donna ischitana morta il 27 dicembre scorso al Cardarelli di Napoli per gli effetti del Coronavirus ma li’ ricoverata inizialmente senza avere i sintomi del Covid. La donna era stata portata al Rizzoli di Ischia il 25 novembre per problemi alla milza risultando negativa al tampone; il 6 dicembre l’aggravarsi delle sue condizioni di salute ne aveva determinato il trasferimento in elicottero al Cardarelli dove – secondo la denuncia dei familiari – era rimasta per tre giorni al Pronto Soccorso su una barella e senza coperte assieme a numerosi altri ammalati.
    Dall’ospedale napoletano Maddalena Carneglia aveva piu’ volte chiesto al figlio di essere trasferita altrove poiche’ non riceveva assistenza ne’ informazioni; dopo essere successivamente stata spostata nel reparto di Medicina, il 12 dicembre scorso le e’ stato diagnosticato il covid
    che, secondo i sanitari del Cardarelli, e’ stata la causa del decesso avvenuto il 27 dicembre. Vito Calise, il figlio della signora Carneglia, dopo aver ricevuto comunicazione telefonica della morte della madre, si e’ recato dai Carabinieri di Forio presentando una denuncia trasmessa alla Procura della Repubblica di Napoli a seguito della quale sono state acquisite le cartelle cliniche del Cardarelli e nei prossimi giorni del Rizzoli. Questa mattina e’ stata nominata la commissione medica che procedera’ nel pomeriggio all’esame autoptico della salma.
    “Quella di mia mamma e’ una vicenda inspiegabile – dice Vito Calise – l’abbiamo ricoverata senza alcuna ombra di Covid e ci hanno detto che e’ stata proprio quella la causa della sua morte. Qualcuno dovra’ darci delle spiegazioni, mia madre e’ rimasta per giorni in mezzo a decine di ricoverati senza protezione e senza assistenza, e’ stata per un mese in due ospedali diversi e non ci hanno dato alcun referto”. LEGGI TUTTO

  • in

    Scarcerato a Natale il giovane boss casertano Clemente Massaro o’ pecuraro

    Regalo di Natale inaspettato per il giovane boss casertano Clemente Massaro, alias o’ pecuraro. E’ stato infatti scarcerato il giorno di Natale.
    Il Magistrato di Sorveglianza ha disposto la scarcerazione del ras Clemente Massaro, alias “o pecuraro”, di 26 anni, di San Felice a Cancello, frazione Talanico, accogliendo la richiesta dell’avvocato Vittorio Fucci jr.

    Massaro era stato arrestato per estorsione aggravata, nel 2018, in concorso con altre persone, ai danni di un importante imprenditore edile.Fu colto nella flagranza del pagamento della estorsione di 10.000 euro.L’estorsione, secondo gli inquirenti, fu connotata da minacce gravi evocative della condizione di assoggettamento del territorio al giogo camorristico.Clemente Massaro è il nipote del noto boss Francesco Massaro, alias ” cicchiello” .Va ricordato che il ventiseienne appartiene alla fazione dei Massaro di Talanico mai pentita e predominante sul territorio. LEGGI TUTTO

  • in

    Torna libera anche l’altra sorella del boss Michele Zagaria

    Pubblicita

    Ha finito di scontare una condanna di tre anni ed e’ tornata libera Beatrice Zagaria, sorella maggiore del capoclan dei Casalesi Michele Zagaria, che era ristretta ai domiciliari.
    La donna, 65 anni, era stata arrestata nel dicembre 2017 insieme alle cognate (le mogli dei tre fratelli Antonio, Carmine e Pasquale) nell’ambito di un’indagine della Dda di Napoli, che la riteneva organica al clan, con il ruolo di “portavoce” verso l’esterno della volonta’ del fratello boss recluso al 41bis, e di pagamento degli stipendi a familiari con i proventi delle attivita’ illecite.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Finisce in carcere Beatrice Zagaria la sorella del boss Michele: era la cassiera dei Casalesi
    In primo grado la Zagaria era stata condannata a sei anni e otto mesi per associazione camorristica e ricettazione con l’aggravante mafiosa, poi ridotti in appello a tre anni in quanto e’ caduta la piu’ grave accusa di aver fatto parte del clan. A meta’ gennaio si terra’ l’ultimo grado del processo alla Cassazione.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Torna libera la sorella del boss Michele Zagaria
    Il 19 ottobre scorso e’ tornata in liberta’, a Casapesenna, comune di origine e residenza della famiglia Zagaria, anche l’altra sorella di Michele Zagaria, Elvira, che ha avuto nel clan, un ruolo forse ancora piu’ importante di Beatrice, ovvero quello di occuparsi degli appalti dell’ospedale di Caserta, fatti per i quali e’ stata condannata a sette anni con sentenza definitiva; proprio ad ottobre Elvira ha finito di scontare quasi tutta la pena, cinque anni e nove mesi, avendo usufruito della liberazione anticipata.
    Pubblicità LEGGI TUTTO

  • in

    Inchiesta Cisl Campania: assolta l’ex segretario Lina Lucci

    Cronache » Cronaca » Cronaca Giudiziaria » Inchiesta Cisl Campania: assolta l’ex segretario Lina Lucci

    Cronaca Campania

    Pubblicità’

    Pubblicato
    28 minuti fa circa (17:46)
    il
    17 Dicembre 2020

    Da non perdere
    D’Amore (Asl Napoli 2): ‘Imprudente riaprire le scuole il 7 gennaio’

    Pubblicità’

    Inchiesta Cisl Campania: assolta l’ex segretario Lina Lucci accusata di appropriazione indebita e simulazione di reato
    Il Tribunale di Napoli, giudice Alessandra Lotti della VII sezione, ha assolto perché il fatto non sussiste l’ex segretario generale della Cisl Campania Lina Lucci dalle accuse di appropriazione indebita, di circa 77mila euro e di simulazione di reato relativamente alla denuncia di smarrimento di alcune scritture contabili.
    Leggi anche: https://www.cronachedellacampania.it/2020/12/covid-18-236-nuovi-casi-e-683-morti-in-italia/
    Le contestazioni, secondo il sindacato, riguardavano quote di affitto, lavori di ristrutturazione e corsi di formazione, per una somma che complessivamente si aggirata sui 77mila euro.
    (Foto dal web)

    Leggi anche: https://www.cronachedellacampania.it/2020/12/scossa-di-terremoto-a-milano-avvertita-dalla-popolazione/
    Insieme con la Lucci è stato assolto anche il segretario amministrativo Carmen Costagliola, anche lei con la formula “perché il fatto non sussiste”. L’altro indagato, Salvatore Denza, responsabile all’epoca della contabilità dell’Usr Cisl Campania, all’epoca dei fatti rinviato a giudizio, non andò a processo in quanto nei suoi confronti la Cisl non presentò denuncia. L’indagine prese il via a seguito di un esposto presentato alla Procura di NAPOLI, quattro anni fa, precisamente nel 2016, dal dirigente del sindacato Piero Ragazzini.
    Segui Cisl Campania su Facebook: https://www.facebook.com/Cisl-Campania-387506001427164

    Articolo Successivo
    Prato, bidello di Castellammare accusa malore e muore a scuola

    Da non perdere
    D’Amore (Asl Napoli 2): ‘Imprudente riaprire le scuole il 7 gennaio’

    Continua a leggere
    Pubblicità

    Area Vesuviana
    ‘Attraverso i nostri occhi’, nel nome di Carmine Alboretti

    Pubblicato
    11 minuti fa
    il
    17 Dicembre 2020

    Pubblicità’

    ‘Attraverso i nostri occhi’, nel nome di Carmine Alboretti: Concorso per elementari e medie promosso dalla omonima associazione
    Raccontare con immagini, poesie, storie e articoli di giornale la pandemia Covid-19 come l’hanno vissuta i più piccoli, carichi delle loro sensazioni ed emozioni. Farlo per un fine nobilissimo: tutte le opere che arriveranno saranno raccolte in un libro che sarà messo in vendita e il cui ricavato sarà devoluto interamente agli ospedali di Napoli Santobono-Pausilipon e Pascale.
    E’ indetto il primo concorso nazionale “Attraverso i nostri occhi” a cui sono chiamati a partecipare le alunne e gli alunni di tutte le scuole elementari e medie nel nome di Carmine Alboretti, il giornalista vaticanista venuto a mancare prematuramente a maggio di quest’anno e al cui figlio piccolo Francesco è venuta questa idea.
    Leggi anche: https://www.cronachedellacampania.it/2020/05/morto-il-giornalista-carmine-alboretti-aveva-45-anni/
    La mamma Maria Carotenuto, moglie del cronista napoletano, di concerto con l’associazione Giornalisti Vesuviani, che porta il nome di Alboretti, hanno dato forma all’idea di Francesco.
    Alboretti (foto di repertorio)

    A partire da oggi, giorno simbolico perché coincidente con il quarantaseiesimo compleanno dell’ex vicedirettore del quotidiano nazionale La Discussione, e fino al 31 gennaio i giovani potranno inviare le loro opere artistiche e i loro scritti alla mail dedicata dell’associazione concorso@giornalistivesuviani.it. Nei mesi successivi saranno organizzate nel volume omonimo al concorso, che sarà presentato e messo in vendita. I dirigenti sono invitati a sostenere l’iniziativa, promuovendola tra gli alunni delle loro scuole.

    Continua a leggere

    Le Notizie più lette LEGGI TUTTO