in

Rete Civica: “Chiarire no di Cento a progetto per produrre energia rinnovabile”

Risolvere i problemi legati al diniego alla realizzazione di interventi diretti alla produzione di energia rinnovabile nel comune di Cento, in provincia di Ferrara.

A chiederlo è un’interrogazione di Rete Civica che ricorda come “la legislazione urbanistica regionale fornisce una puntuale definizione sia del ‘territorio urbanizzato’ che degli ambiti (specializzati per attività produttive, aree ecologicamente attrezzate e poli funzionali) nei quali promuovere la realizzazione degli impianti fotovoltaici. In alcuni casi, però, i Comuni estendono erroneamente alle aree che ricadono all’interno del perimetro del territorio urbanizzato la disciplina valevole per gli ambiti definiti extraurbani, negando, come nel caso presentato al Comune di Cento, la realizzazione di interventi diretti alla produzione di energia rinnovabile”.

Da qui l’atto ispettivo per sapere “come la Regione Emilia-Romagna intenda conciliare i provvedimenti amministrativi dei SUE (Sportello unico per l’edilizia) regionali che ostacolano la tanto decantata ‘svolta green’ del governatore Bonaccini, a causa di errate interpretazioni di normative regionali, e se la giunta non ritenga opportuno procedere con circolari regionali per chiarire i dubbi interpretativi che hanno spinto il Responsabile del Servizio Sportello unico per l’edilizia di Cento ad esprimere parere contrario a seguito comunque di una Conferenza di Servizi in cui tutte le amministrazioni interessate (ivi compreso il Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara) avevano espresso parere favorevole”.

(Luca Molinari)

La comunicazione istituzionale del Servizio informazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna dal 28 aprile 2022 è soggetta alle disposizioni in materia di par condicio


Ambiente e territorio

13 Maggio 2022



Fonte: https://cronacabianca.eu/feed/


Tagcloud:

Assemblea. Al via riforma di Regolamento e Statuto

Adunata Alpini Rimini, Fdi: “Condannare molestie ed esprimere solidarietà al Corpo”