in

Processo per l’omicidio di Simone Frascogna, i familiari chiedono giustizia

È iniziato ieri mattina il processo a carico dell’assassino di Simone Frascogna, il 19enne ucciso con nove coltellate la sera del 3 novembre del 2020 a Casalnuovo.

Simone era un ragazzo dal cuore grande. È stato ucciso mentre tentava di salvare un suo amico. Familiari ed amici erano presenti all’esterno del Tribunale di Napoli con degli striscioni con le scritte: Siamo tutti Simone” e “Giustizia per Simone Frascogna”.

Natascia Lipari, la mamma di Simone, ha spiegato: “Sarò presente a tutte le udienze. In aula non ci sarà la madre di Simone, ci sarà Simone! Sarò lo sguardo, gli occhi, il pensiero, il respiro di mio figlio. A testa alta, sempre”. Il comune di Casalnuovo e la fondazione Pol.i.s. sono state accolti dal giudice come parti civili nel processo. La prossima udienza si terrà il 15 luglio.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: L’assassino di Simone Frascogna scrive una lettera: “Chiedo scusa, non vivo più”

Simone Frascogna su ucciso con 9 coltellate  lo scorso 3 novembre a Casalnuovo. Ad aggredirlo tre ragazzi, di cui due minorenni, che ora sono detenuti in attesa di giudizio. Per i due minorenni finiti in car- cere il processo inizierà l’8 settembre presso il tribunale minorile di Napoli.

IL SINDACO DI CASALNUOVO: “UNA PRIMA VITTORIA”

“Una prima vittoria per il processo a carico degli assassini di Simone Frascogna – ha spiegato sulla pagina facebook il sindaco Massimo Pelliccia – il Comune di Casalnuovo é stato ammesso quale parte civile. L’intera comunità casalnuovese sarà rappresentata in questo dibattimento. Non ci arrenderemo, giustizia per Simone”.


Fonte: https://www.cronachedellacampania.it/cronaca/cronaca-giudiziaria/feed/


Tagcloud:

Andrea Zelletta rivela quanto spesso fa l’amore con la fidanzata Natalia Paragoni

Sanità. Barcaiuolo (Fdi): la Regione pensa di rivedere le linee guida su sierologici prima di vaccinazioni?