in

“LeNove”. Barcaiuolo (Fdi): serve un cambio di passo nel contrasto al Coronavirus

“Serve un cambio di passo nel contrasto alla crisi: dobbiamo recuperare posti di lavoro e la centralità che la nostra regione ha sempre avuto”. Così il consigliere Michele Barcaiuolo (Fdi) ospite stamattina della rubrica “Le Nove in Emilia-Romagna”, la rubrica del Servizio informazione e comunicazione istituzionale dell’Assemblea legislativa condotta oggi da Isabella Scandaletti e trasmessa in diretta su Lepida Tv.

Il consigliere fa un ragionamento a tutto tondo sulle attività economiche colpite dalla crisi, con una particolare attenzione alle piscine, i cui gestori lamentano la difficoltà a riaprire, stante le norme vigenti.

“Tutta la mia solidarietà ai gestori di piscine che hanno tutto il mio sostegno: ci sono studi che dicono che il cloro (che è presente nell’acqua delle piscine, ndr) uccide il virus. La verità è che mancano protocolli specifici, come nel caso delle piscine e delle palestre, che permettano la ripresa in sicurezza: governo e Regione Emilia-Romagna non hanno operato correttamente”, spiega Barcaiuolo che interviene anche sull’allarme lanciato dal mondo della scuola.

“Le scuole devono ripartire in presenza al cento per cento già quest’anno e sicuramente da settembre prossimo: non sono le aule il luogo dove si diffonde il Coronavirus, ma i mezzi di trasporto pubblico. Già da un anno abbiamo chiesto di coinvolgere i privati per un sistema di trasporto pubblico in sicurezza, ma si è fatto poco”, spiega l’esponente di Fdi per il quale anche l’Emilia-Romagna, come già fatto dalla Regione Marche, deve dotare le scuole di termoscanner e sanificatori. “Come Fdi abbiamo presentato una risoluzione in tal senso, siamo certi che tutte le forze politiche la sosterranno”, sottolinea Barcaiuolo.

Domani, 5 maggio 2021, ospite della rubrica del Servizio informazione e comunicazione dell’Assemblea legislativa sarà il consigliere della Lega Michele Facci.


Assemblea

4 maggio 2021



Fonte: https://cronacabianca.eu/feed/


Tagcloud:

Uccise l’amico per l’eredità della casa: 14 anni di carcere

Imprenditore di Cesa in crisi finisce nella rete degli ‘strozzini’: 3 arresti