in

Giugliano, uccide la moglie soffocandola: arrestato 63enne

Cronaca Nera

Pubblicato

in

  • Share
  • Tweet




Giugliano, uccide la moglie soffocandola: arrestato 63enne.

 

Nella mattinata odierna, a seguito di attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, militari della Compagnia Carabinieri di Giugliano hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere nei confronti di un uomo, di anni 63, domiciliato in Giugliano, gravemente indiziato dell’omicidio della moglie, avvenuto in zona Lago Patria il 12 luglio scorso, nonché di lesioni personali gravi in pregiudizio di un sanitario del *118″. Subito dopo il fatto, l’indagato aveva allertato i carabinieri e il “118” asserendo che, al suo risveglio, aveva trovato la moglie, priva di vita, impiccata al cordino delle tende, nel salotto della loro abitazione.

Tuttavia, fin dai primo sopralluogo sul luogo del fatto, emergevano seri dubbi in ordine all’attendibilità della versione fornita dall’arrestato; in particolare, l’attenzione degli investigatori si concentrava sullo strumento che sarebbe stato utilizzato per commettere il suicidio, del tutto inadeguato a sostenere il peso del corpo della donna; successivamente, venivano acquisiti elementi significativi di un’accesa pregressa conflittualità fra i due, dovuta a dissidi economici connessi alla gestione di un centro medico.

L’esame autoptico confermava che la causa del decesso non era da individuarsi nell’impiccagione, quanto, piuttosto, nello strangolamento preceduto da colluttazione.  L’arrestato risulta essere, inoltre, indagato per aver cagionato lesioni personali gravi ad una donna, medico del 118, intervenuta sul luogo dell’evento, responsabile, agli occhi dell’uomo di non aver sottoposto, alcuni giorni prima, a TSO la moglie, pur avendo la stessa, sempre secondo il resoconto interessato del marito, manifestato segni di squilibrio mentale.

Articolo Successivo

Denuncia per epidemia colposa al fotografo de La Sonrisa che da asintomatico ha partecipato a un matrimonio e a un battesimo

Da non perdere

Muore a Venezia in un incidente giovane mamma napoletana di 35 anni

Continua a leggere
Pubblicità

Area Vesuviana

Pubblicato

in


Una lite di viabilità dopo uno scontro in auto è finita con una sparatoria per strada. E’ accaduto questa notte a Volla.

E precisamente in via Ariosto, incrocio con via Alfieri. Tra i due conducenti e’ nata una discussione dopo un tamponamento. Uno dei due si e’ allontanato ed e’ tornato poco dopo in sella a uno scooter con un complice e ha sparato alcuni colpi d’arma da fuoco ferendo l’antagonista alla tibia sinistra.

L’uomo e’ stato trasportato all’ospedale del Mare dove e’ stato ritenuto guaribile in 15 giorni. Indagini sono in corso da parte dei carabinieri della sezione operativa di Torre del Greco e della stazione di Volla. In corso rilievi a cura del Nucleo Investigativo di Torre Annunziata.

Continua a leggere

Le Notizie più lette

  • Campania6 giorni fa

    Focolaio di coronavirus al Grand Hotel la Sonrisa: positivi 19 familiari

  • Cronaca Giudiziaria5 giorni fa

    Camorra, il pentito dopo 11 anni fa ritrovare i corpi del boss Russo ‘o doberman, del figlio e dell’autista

  • Coronavirus5 giorni fa

    Coronavirus a La Sonrisa, Imma Polese: ‘Nessuno di noi è in pericolo, ci rivedremo presto’

  • Coronavirus6 giorni fa

    Sant’Antonio Abate, due imprenditori del settore matrimoni ricoverati al Cotugno: positivi al coronavirus


Fonte: https://www.cronachedellacampania.it/cronaca/cronaca-nera/feed/


Tagcloud:

Lite per motivi di viabilità nel Napoletano finisce a colpi di pistola: un ferito

Damante e Moser, serata in disco senza mascherina: Selvaggia Lucarelli li demolisce