in

Grandi superfici vendita (Ikea, etc) aperte nel weekend, Erc: “chiudere e tutelare dipendenti”

Igor Taruffi (Er coraggiosa)

I consiglieri regionali di Emilia-Romagna Coraggiosa Igor Taruffi e Federico Alessandro Amico raccolgono l’appello dei sindacati e dei dipendenti delle grandi strutture di vendita come Ikea o Leroy Merlin e chiedono, con una interrogazione alla Giunta, che possano essere chiusi durante i giorni festivi e prefestivi, “tutelando sia la salute che il livello occupazionale dei lavoratori e delle lavoratrici”.

L’ultimo Dpcm firmato dal premier Giuseppe Conte lo scorso 3 novembre, infatti, prevede la chiusura nei giorni festivi e prefestivi di esercizi commerciali all’interno dei centri commerciali e dei mercati, a eccezione di farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole. “Ma questo decreto – fanno notare Taruffi e Amico – non dispone la chiusura delle cosiddette grandi superfici di vendita, per le quali invece è possibile continuare a effettuare l’apertura dell’esercizio”. L’esempio sono Ikea e Leroy Merlin, che, “soprattutto nei giorni festivi e prefestivi risultano essere molto affollate anche in questo periodo”. Lo stesso presidente dell’Anci Antonio Decaro, lo scorso 7 novembre, ha scritto al governo perché ne disponga la chiusura.

“È inaccettabile che le lavoratrici e i lavoratori di quei punti vendita debbano lavorare alla presenza di code e assembramenti, come denunciato dai sindacati”, sottolineano i due consiglieri. Che, dunque, interrogano la Giunta per sapere “in che modo ritenga opportuno intervenire per evitare che le grandi strutture di vendita continuino a essere aperte anche durante i giorni festivi e prefestivi, tutelando sia la salute che il livello occupazionale dei lavoratori e delle lavoratrici”.

(Margherita Giacchi)

Imprese lavoro e turismo

11 novembre 2020



Fonte: https://cronacabianca.eu/feed/


Tagcloud:

Via libera in commissione a bilancio consolidato Regione per l’esercizio 2019

Scarcerata la famiglia di spacciatori della periferia di Scafati